Articoli

Libri

Accadde oggi a San Marino

San Marino

Storia / History

Meteo San Marino

San Marino webcam

Sismografo San Marino seismo

 

Il  Santo Marino

Fondatore e Protettore della  Repubblica di  San Marino

Repubblica di San Marino e Religione

 

0- Origine della Repubblica di San Marino

1-Repubblica con Principe

2-Il Santo Marino Protettore del Montefeltro

3-Il legame fra il Santo Marino e la comunità

4-Santo Marino e nemini teneri

5-Santo Marino  e neminem superiorem

6-Santo Marino e relinquo vos

7-Il Santo Marino dopo l'Unità d'Italia 

 

Il Santo Marino di Luigi E. Mattei autore dell'Uomo della Sindone

- 5-

Santo Marino e 

Neminem superiorem in temporalibus recognoscentes

La seconda tappa del cammino verso la piena sovranità

I sammarinesi rivendicano il diritto di vivere in libertà non solo a Valle  Sant’Anastasio, ma anche a Roma, addirittura  a Roma davanti ai temibili, sospettosi, smaliziati papi del Rinascimento. E proprio negli anni in cui i papi hanno i nervi a fior di pelle a causa dell’esplosione del protestantesimo che ha creato un clima pesantemente antiromano e antipapale. Anzi proprio negli anni in cui i papi stanno decidendo di passare al contrattacco gettando le basi della cosiddetta controriforma e, anche, dando più spazio e mezzi al tribunale dell’inquisizione.

L’occasione  è creata dal sovrapprezzo sul sale che Paolo III ha imposto a tutti i sudditi dello Stato della Chiesa nel 1539. I sammarinesi non hanno un privilegio da produrre a sostegno della loro richiesta di esenzione, come altre comunità. Agli - allibiti - legulei della curia romana si limitano ad esporre che essi non devono pagarlo quel tributo perché sono liberi da tutti i tributi per i meriti del loro Santo: pur abitando un luogo sito geograficamente dentro lo Stato della Chiesa, politicamente non ne fanno parte. Loro non sono sudditi del papa.

I sammarinesi sostengono di essere nello stato di  superiorem non recognoscentes (cioè di non avere alcuna autorità politica sopra di sé), e chiedono che sia il papa stesso a firmare un documento, breve o bolla, in cui figuri questa formula. Insomma pretendono che venga riconosciuto ufficialmente e formalmente che loro non hanno per superiore … ne Papa, ne Imperatore. Come dire che, in ambito politico, hanno diritto di venire immediate da Dio. Insomma non c'è nessuno fra loro e Dio.

Paolo III finisce per cedere.  l'11 ottobre 1549 firma un documento (un breve) col quale riconosce che i sammarinesi  ‘non hanno superiore’ in ambito politico (ab immemorabili tempore… semper fuisse in possessione … neminem Superiorem in temporalibus recognoscendi).

 

 

Articoli

Libri

Accadde oggi a San Marino

San Marino

Storia / History

Meteo San Marino

San Marino webcam

Sismografo San Marino seismo