San Marino

Storia della Repubblica di San Marino  

Tratta dalla videocassetta Nemini  teneri, cioè non dipendere da nessuno

© Copyright by V.E. Pizzulin & M. Cecchetti

1

Fra guelfi e ghibellini. Fine dei vincoli vescovili      Indietro   Avanti

Boutros Boutros-Ghali

Attorno, nel mondo, è guerra,  fra  guelfi e ghibellini.

Rimini è in mano ai guelfi, il partito dei papi, guidati dai Malatesta.

A Urbino sono i Montefeltro a capeggiare i ghibellini a nome dell'imperatore. 

San Marino è in mezzo.  Pur essendo comune, si allea coi Montefeltro:  per liberarsi dal vescovo. 

Ci riuscirà dopo un secolo, quando i papi vanno ad Avignone. Dapprima toglie al vescovo la residenza dentro le mura, poi  lo disconosce come giudice,  infine gli contesta ogni forma di tributo.  

Un vescovo, esasperato, tenta di vendere,  in blocco, San Marino e Sammarinesi. Un altro ricorre alla congiura.

Si lotta senza tregue e regole,   con  sentenze ed armi.  

Finalmente, il 1351: il vescovo Peruzzi, sconfitto dai  ghibellini, perde anche  San Leo, la sua sede. Non sa più dove andare. I Sammarinesi gli aprono le porte: deve firmare, però, l'atto che li affranca dai vincoli feudali.   

I cardinali, Albornoz, Anglico, cercano di riportare un po' d'ordine, per conto del papa. San Marino, lo lasciano: piccola pedina in  un complicato gioco di equilibri fra i signori che contano:  Montefeltro e Malatesta.

Castello dopo castello i Montefeltro  scendono le valli, con le loro bandiere. I Malatesta le risalgono. Avanti e indietro, per quasi due secoli.

Anche Firenze, anche Venezia allungano talvolta lo zampino.

San Leo, Maiolo, Talamello  cambiano e ricambiano padrone. Così Verucchio, Montefiore...,   San Marino no.t                    

2

NEMINI TENERI

3

Beatus Marinus

4

Consules  1243

5

Malatesta Montefeltro Albornoz

6

 Respublica

7

 Della Rovere

8

 Bembo Addison

9

 Napoleone

10

 Napoleone III Garibaldi

11

UN (ONU)

 

San Marino          San Marino webcam     Meteo San Marino             Avanti