domenica 17 marzo 2013 04:50

San Marino, indagine Chalet. Al posto di Baita, un ex questore, Carmine Damiano

San Marino, indagine Chalet. Al posto di Baita, un ex questore, Carmine Damiano

Adesso nella indagine Chalet, che sta scuotendo la Repubblica di San Marino, ritenuta, per certi versi, una delle  cassaforti della corruzione italiana, entra in scena un ex questore, Carmine Damiano, che va a sostituire Piergiorgio Baita (amico, fra l'altro,  di William Ambrogio Colombelli  e di Claudia Minutillo) al vertice della Impresa di Costruzioni ing. E. Mantovani SpA., al centro, a quanto parte, del giro di false fatture su cui sta indagando la Guardia di Finanza. Sentirà anche l'ex Generale della Guardia di Finanza, Alberto D’Amico, a suo tempo facente parte del Consiglio di Amministrazione della Banca Commerciale Sammarinese, e comunque della Galassia Bcs

Il Mattino di Padova: Caso Baita, l’ex questore Damiano nuovo presidente della Mantovani / Dopo l’arresto di Piergiorgio Baita, gli azionisti hanno deciso di rinnovare completamente il consiglio d’amministrazione dando un segnale di legalità

«Con l’azzeramento del vecchio Cda della Mantovani e la nomina di nuovi amministratori, è stato indubbiamente dato da parte della famiglia Chiarotto un segnale forte, univoco che non si presta ad interpretazioni». Così Carmine Damiano, il nuovo presidente della Mantovani Spa. «Personalmente - ha detto Damiano - sento il privilegio, l’ onore e la responsabilità per essere stato scelto a ricoprire un incarico di prestigio, ma anche di grande delicatezza in questo momento. Sono estremamente grato al presidente della Holding Serenissima Spa, Romeo Chiarotto, e farò di tutto ciò che è nelle mie possibilità e capacità per il bene della Mantovani e per salvaguardare tutti gli aspetti occupazionali in un territorio che ne ha estremamente bisogno». Damiano, 64 anni, ha trascorso la sua vita professionale nella Polizia di Stato dal 1976 fino al 2012 anno in cui ha lasciato, come dirigente generale, dopo 4 anni come Questore di Treviso.

Leggi l'intero articolo di Il Mattino di Padova