martedì 22 marzo 2011 06:59

San Marino torna a investire nell'aeroporto di Rimini

San Marino torna a investire nell'aeroporto di Rimini

La Repubblica di San Marino tornerà ad investire nell'aeroporto di Rimini.

Lo si apprende da Monica Raschi di Il Resto del Carlino che titola: Il segretario Berardi e il ‘ruolo strategico’ del Titano / San Marino vuole più turisti: disposta a investire nell’aeroporto

I turisti  russi fanno ‘gola’ a tutti: San Marino non è da meno e, oltre a proporsi come luogo strategico di soggiorno per mini tour verso Venezia, Firenze e Roma, si dichiara pronta ad aumentare la quota di capitale nella spa che gestisce l’aeroporto, già definito internazionale, di Rimini-San Marino.

La dichiarazione è del segretario sammarinese al Turismo, Fabio Berardi di ritorno da Mosca, dove ha partecipato al Mitt, la fiera del turismo che si tiene nella capitale russa e dove ha avuto modo di incontrare i maggiori tour operator che gestiscono i flussi turistici verso la riviera adriatica. Per il 2011 si parla di un aumento minimo del 30 per cento che può raggiungere punte anche del 40 per cento.

Da qui la necessità di inserire altri due voli settimanali (per la stagione estiva) in arrivo al Fellini attraverso boeing 747 dalla capienza di 480 posti. «Quello che è importante sottolineare è che questo ottimo risultato è stato ottenuto attraverso il lavoro comune di tutto il territorio —sottolinea il segretario —, quindi assessorato regionale al Turismo, Provincia, aeroporto e noi, qui da San Marino.

La Repubblica è un valore aggiunto che piace ai turisti e non dimentichiamo che è anche patrimonio dell’Unesco. San Marino con le sue caratteristiche e con la sua offerta commerciale è una delle destinazioni più appetibili per questo tipo di mercato — prosegue Berardi — che però per trasformare l’escursione in soggiorno, chiede anche strutture fisse di intrattenimento diurno e serale che offrano gioco, benessere e shopping di alta qualità»