Articoli

Libri

Accadde oggi a San Marino

San Marino

Storia / History

Meteo San Marino

San Marino webcam

Sismografo San Marino seismo

 

Leggi e accordi internazionali che forniscono opportunità economiche

Italia Doppia imposizione  Italia Acc. cooperazione  ECOFIN Redditi risparmio    UE Acc. doganale   

Registro navale       Registro aeronautico       Servizi Bancari, Finanziari e Assicurativi         Trust

Marchi e Brevetti     Legge sulle società       Banche        Finanziarie    Commercialisti

 

 

Regime fiscale dei trust

regolati dalla legge della Repubblica di San Marino amministrati da trustee autorizzati

 

ARTICOLI DELLA LEGGE SAMMARINESE SUL TRUST

1-Definizioni

2-Nozione di trust

3-Ambito di applicazione della legge

4-Legge regolatrice e riconoscimento dei trust esteri

5-Giurisdizione della Repubblica di San Marino in materia di trust

6-Istituzione del trust

7-Trust di scopo

8-Estratto dell’atto istitutivo

9-Registro dei trust della Repubblica di San Marino

10-Durata del trust

11-Invalidità del trust

12-Beni in trust

13-Separazione patrimoniale e vincolo di destinazione

14-Modifica dell’atto istitutivo del trust

15-Revoca del trust

16-Estinzione del trust

17-Distribuzione di beni in trust

18-Dell'accettazione e del rifiuto della nomina nell'ufficio di trustee

19-Trustee autorizzati e trustee qualificati

20-Nomina del nuovo trustee

21-Buona fede e diligenza nell'adempimento

22-Tutela dell’integrità dei beni in trust

23-Gestione dei beni in trust

24-Conflitto di interessi e vantaggio patrimoniale

25-Obbligo di imparzialità

26-Obbligo di riservatezza nei confronti dei terzi

27-Contabilità e inventario

28-Comunicazioni

29-Libro degli eventi

30-Adempimenti a fini di pubblicità

31-Obblighi dei co-trustee

32-Poteri del trustee

33-Potere di consultazione

34-Potere di delega

35-Forma e contenuto dell’atto di delega

36-Potere di depositare i beni in trust

37-Potere di assicurare i beni in trust

38-Potere di effettuare anticipazioni a favore del beneficiario

39-Potere di accumulare frutti e proventi

40-Compenso, costi e spese del trustee

41-Cessazione  del trustee dall'ufficio

42-Trasferimento dei beni in trust

43-Consegna di atti e documenti

44-Inadempimento degli obblighi previsti   dalla legge e dell’atto istitutivo

45-Responsabilità dei co-trustee

46-Responsabilità solidale del beneficiario

47-Esonero da responsabilità

48-Prescrizione

49-Responsabilità del trustee per le obbligazioni contratte verso i terzi

50-Nozione di beneficiario

51-Diritti del beneficiario

52-Rinuncia, differimento dell’attribuzione ed estinzione del trust per volontà dei beneficiari

53-Atti di disposizione della posizione giuridica di beneficiario a favore di terzi

54-Ufficio del guardiano

55-Poteri del Tribunale

56-Azione cautelare

57-Azione di separazione

58-Forma degli atti istitutivi ed iscrizione dei trust esteri nel Registro dei trust della Repubblica di San Marino

59-Esercizio abusivo dell’ufficio di trustee

60-Sottrazione o distrazione di beni in trust

61-Conflitto d’interessi

62-Violazione dell’obbligo di rendicontazione

63-Falsità nelle scritture contabili relative al trust

64-Adempimenti relativi alla registrazione e al deposito di atti

65-Entrata in vigore

REGIME FISCALE

Albo dei Trustee

TRUST A SAN MARINO (commento)

Trust a San Marino 

(commento alle norme sammarinesi)

 

  di Ivan Ortensi (Amm.tore delegato di Mamy's SpA)

Da Borsa e Finanza

 

Il Trust è una forma di gestione patrimoniale ancora poco diffusa in Italia: l’unica legge in materia è la 364/89 che ricalca la più nota convenzione dell’Aja del 1985 sulla legge applicabile al Trust.


Nel nostro ordinamento gli unici trust ammessi sono quelli volontariamente istituiti da un “disponente” che conferisce a un secondo soggetto, denominato “trustee”, la gestione di beni o di un patrimonio nell’interesse di uno o più “beneficiari” o per uno scopo prestabilito, purché lecito. Per verificare che il “trustee” agisca effettivamente nell’interesse del beneficiario, il disponente può nominare un “protector” con il compito di controllare la corretta gestione del trust.

Di fatto la proprietà dei beni passa al “trustee”, che però ha un vincolo di destinazione nei confronti del beneficiario che può anche essere lo stesso disponente (a patto che non sia l’unico beneficiario).

Da un punto di vista pratico, quindi, è possibile conferire al trust una somma di denaro o un patrimonio immobiliare. Il trustee, che non deve essere necessariamente una persona fisica, ma anche una società specializzata nella gestione del denaro, può disporre del conferimento come vuole ma sempre rispettando il vincolo di destinazione (ad esempio, il disponente stesso più altri componenti della famiglia). 

I vantaggi del trust vanno ricercati nella possibilità di vincolare beni e attribuire diritti svicolando da più complesse normative in fatto di successioni e trasferimenti di beni o capitali e nella possibilità di proteggere una famiglia da sperperi, conferendole le rendite ma non il capitale.

E’ quindi un tipo di gestione patrimoniale che può presentare diversi benefici fiscali, a seconda di come viene istituita. Bisogna infatti distinguere i “trust interni” (costituiti in Italia) dai “trust esterni” (costituiti all’estero, anche se con beni situati in Italia).

In questa ottica va a collocarsi la nuova legge sui Trust della Repubblica di San Marino, la n°37 del 17 marzo 2005 e che disciplina in maniera sistematica tale istituto, oltre a rappresentare il primo documento del genere in lingua italiana. All’articolo 5 tale legge sancisce che la giurisdizione di San Marino su un dato trust, a meno di deroghe pattuite nell’atto stesso, sussiste nel momento in cui il convenuto abbia il domicilio, la residenza o la sede legale in San marino, il trustee sia un trustee autorizzato o il trust sia amministrato a San Marino.

Senza dover andare troppo lontano, quindi, è possibile trovare una legislazione in materia di trust che offre diversi vantaggi: innanzitutto disciplina con chiarezza la separazione patrimoniale dei beni in trust che non possono essere oggetto di azioni da parte dei creditori personali del trustee (che pure, ricordiamo, è il nuovo proprietario dei beni in trust). Sempre nei confronti del trustee sono previste precise norme a tutela del vincolo di destinazione e di eventuali conflitti di interesse che possono esistere. 

La normativa di San Marino offre, fra l’altro, la chiara possibilità di utilizzare un trust per garantire un’eredità, l’unico vincolo è nell’articolo 50: se il trust prevede una pluralità di beneficiari, nessuno dei quali esistente, al momento dell’istituzione, almeno uno di essi deve venire in essere entro trent’anni dall’istituzione del trust stesso. Sempre il 17 marzo 2005 è stata approvata anche la legge n°38 della Repubblica di San Marino, che definisce con estrema minuzia il regime fiscale dei Trust che ricalca quello della legge n°91 del 13 ottobre 1984 vale a dire l’imposta generale dei redditi della Repubblica di San Marino. 
    



 
 

Articolo a cura di Ivan Ortenzi
Amm.tore delegato di Mamy's SpA

 

Articoli

Libri

Accadde oggi a San Marino

San Marino

Storia / History

Meteo San Marino

San Marino webcam

Sismografo San Marino seismo