giovedì 22 giugno 2017 10:42
MAFIE

San Marino e le sue miracolose banche. Antonio Fabbri sul blog di Repubblica

San Marino e le sue miracolose banche. Antonio Fabbri sul blog di Repubblica

Dal Monte si indaga a ritroso

SAN MARINO. Antonio Fabbri, giornalista di L'Informazione di San Marino, su mafie.blogautore.repubblica.it: San Marino e le sue miracolose banche

Per anni nelle banche di San Marino si sono accumulati denari senza che ci si preoccupasse troppo se fossero il frutto del nero della Riviera o, peggio, dell’attività criminale delle mafie.
(...) E’ lecito che una società sammarinese che opera nel settore immobiliare possa, ad esempio, intestarsi terreni e fabbricati. Diventa strano, però, quando questa società, nel giro di poco tempo tramite atti notarili sammarinesi, di immobili se ne intesta una quarantina, tutti in provincia di Trapani. Si scopre poi che quei fabbricati appartengono a un tale Calcedonio Di Giovanni, ritenuto dagli inquirenti italiani “contiguo” a Cosa Nostra.
E’ pure lecito che un commerciante all’ingrosso di origine cinese versi in banca a San Marino i proventi della sua attività di rivendita. Diventa strano quando lo fa utilizzando come schermo mandati fiduciari dai nomi pittoreschi come Maiale, Cinghiale e Muflone, aperti da una finanziaria del Monte attraverso la quale movimenta in sette anni 330 milioni di euro. Così gli inquirenti sammarinesi ritengono che tutti quei soldi siano in realtà il frutto dell’attività della mafia cinese nell'ambito della contraffazione e dell’immigrazione clandestina. E’ ancora più strano che, quella imponente liquidità dagli occhi a mandorla, venga utilizzata per finanziare una banca clandestina della ‘ndrangheta operativa in Brianza (operazione Tibet). Come dire: una mafia che fornisce liquidità a un’altra mafia, con una finanziaria sammarinese a fare da intermediario, finanziaria oggi chiusa e sotto processo per riciclaggio come persona giuridica.
E’ pure lecito fare il coltivatore diretto e portare i risparmi sul Titano, ma quando questi risparmi ammontano a milioni e milioni di euro non giustificati da nulla, se non da una attività da sempre vicina alla ‘ndrangheta con trascorse condanne per ricettazione, estorsione e sequestro di persona, qualche dubbio che quei soldi non siano il sudato frutto della terra, agli inquirenti inevitabilmente viene. E così, a ritroso, dall’indagine sammarinese sulla provenienza di quei soldi si riapre pure il caso in Italia, dove al coltivatore diretto vengono posti sotto sequestro un centinaio di immobili e lui finisce sotto custodia cautelare.
Lecito che una società sammarinese operi nell’ambito delle energie alternative, diventa strano, però, quando lo fa a Isola di Capo Rizzuto detenendo il 30% di una società calabrese che gli inquirenti italiani riconducono alla cosca ‘ndranghetista degli Arena. (...)

Fonte: La Repubblica