mercoledì 24 gennaio 2018 08:10
RASSEGNA STAMPA

Alessandro Mariotti: 'Alle Olimpiadi per dimostrare che San Marino non vuole essere spettatrice'

Alessandro Mariotti: 'Alle Olimpiadi per dimostrare che San Marino non vuole essere spettatrice'

Il giovane atleta vuole ottenere un buon risultato in Corea del Sud per confermare che lo sci è uno sport in crescita in Repubblica

Andrea Lattanzi - La Serenissima: Il giovane atleta vuole ottenere un buon risultato in Corea del Sud per confermare che lo sci è uno sport in crescita in Repubblica / Alessandro Mariotti: “Onorato di partecipare alle Olimpiadi invernali”

SAN MARINO. (...) Il primo ospite è Alessandro Mariotti, giovane sciatore che rappresenterà la Repubblica di San Marino ai Giochi olimpici invernali che si terranno a PyeongChang in Corea del Sud dal 9 al 25 febbraio prossimi. L’unico rappresentante del Titano in questa importante manifestazione sportiva sarà in gara alle ore 10.15 locali per la prima manche dello slalom gigante maschile il 18 febbraio (la seconda manche è in programma alle ore 13.45) e successivamente nello speciale del 22 febbraio sempre alle ore 10.15 la prima manche e alle ore 13.45 la seconda. Le gare di sci alpino si svolgeranno sulla pista di Yongpyong.

Alessandro, come si sente a pochi giorni dall’inizio dei Giochi olimpici invernali?

“Mi sento abbastanza sotto pressione non soltanto per l’imminente competizione sportiva ma anche perché ultimamente ho avvertito qualche dolore fisico in seguito al tanto allenamento svolto in queste settimane. Anche gli impegni universitari a Urbino, dove studio Scienze dell’Educazione, non sono stati da meno ma sto bene e sono molto onorato di rappresentare la Repubblica di San Marino ai Giochi olimpici invernali. Ringrazio la mia famiglia per aver sempre appoggiato me e questa mia passione che è lo sci” (...)

Quale risultato vorrebbe raggiungere ai prossimi Giochi olimpici invernali?
“Sinceramente non conosco i miei avversari, ma cercherò comunque di offrire la migliore prestazione personale possibile per ottenere un buon piazzamento al termine della gara. Voglio dimostrare che la Repubblica di San Marino non va a Pyeongchang solo per un ruolo da spettatrice bensì per certificare la sua grande crescita iniziata da qualche anno. Sicuramente mi darà un grosso e prezioso aiuto il mio tecnico Denis Pauletto per provare a fare bene in gara. Inoltre utilizzerò durante questa mia partecipazione internazionale la tuta dell’azienda Pietro Vitalini, il casco griffato SH+, l’abbigliamento ‘da passeggio’ di Karpos, le scarpe dell’Aku, gli sci e l’attrezzatura di Nordica. Sinceramente, in tutte le competizioni sportive a cui ho partecipato, non ho mai notato chissà quale interesse da parte di sportivi e mass media nei confronti miei e di San Marino. Forse potrebbe cambiare qualcosa in termini di attenzione alle Olimpiadi invernali ma in Corea del Sud, oltre a San Marino, saranno presenti tanti altri Paesi che sono più o meno nelle nostre stesse condizioni. Non saremo dunque gli unici a incuriosire gli appassionati di sport invernali”. (...)