lunedì 12 febbraio 2018 06:57
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Strasburgo promuove ancora procedura e indagini del Titano

San Marino. Strasburgo promuove ancora procedura e indagini del Titano

Dichiarato infondato dall’Alta Corte il ricorso di Biljana Baruca promosso dall’avvocato Pagliai che contestava carcerazione preventiva e condizioni detentive

Antonio Fabbri L'Informazione di San Marino. Strasburgo promuove ancora procedura e indagini del Titano / Dichiarato infondato dall’Alta Corte il ricorso di Biljana Baruca promosso dall’avvocato Pagliai che contestava carcerazione preventiva e condizioni detentive

SAN MARINO. Arriva un’altra conferma da Strasburgo sulla correttezza della conduzione dell’istruttoria nell’indagine “conto Mazzini” e nel cosiddetto “Podeschi bis”. E’ stata pubblicata l’8 febbraio scorso la sentenza della Prima Sezione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sul ricorso che, per conto di Biljana Baruca, era stato presentato dal suo legale, l’avvocato Stefano Pagliai. Lo stesso in più di un’occasione, anche in sede di processo “Mazzini”, si era detto convinto di una pronuncia favorevole dall’alta Corte. “Strasburgo ha un’influenza determinante su questo processo perché se ammettono che c’è stata una violazione del diritto di difesa, non oso immaginare se rilevassero qualcosa sulla tortura, questa avrebbe un impatto importante su questa vicenda giudiziaria”, aveva detto Pagliai. Impatto che, dunque, evidentemente non ci sarà, dato che Strasburgo una decisione l’ha presa ed è relativa sia alla fase inquirente del processo “Mazzini”, sia alla detenzione cautelare “prolungata” in funzione della prosecuzione delle indagini del cosiddetto “Podeschi bis. (...)

Non si può non rilevare come finora i ricorsi presentati a Strasburgo contro lo Stato di San Marino e relativi alle inchieste del “conto Mazzini” - ricorsi “pubblicizzati” anche mediaticamente, spesso mettendo in cattiva luce il sistema giudiziario e normativo della Repubblica, oltre che utilizzati nelle aule del tribunale quasi come strumento di “pressione” e monito - siano stati tutti respinti.

Leggi l'intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 21