mercoledì 16 maggio 2018 05:48
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Acquisizione Cis, Renzi: “Mi risulta che la trattativa sia ancora aperta"

San Marino. Acquisizione  Cis, Renzi: “Mi risulta che la trattativa sia ancora aperta

Turki ci ripensa, stop alla residenza

L'informazione di San Marino: La commissione Esteri esamina le pratiche istruite, il segretario: “Nel 2017 percorso perfezionato solo per una elettiva”Turki ci ripensa, stop alla residenza / Renzi: "Ancora in piedi trattativa Cis"

SAN MARINO. Residenze elettive al centro dei lavori della Commissione Esteri. E il segretario di Stato, Nicola Renzi, aggiorna, ogni 3 mesi come previsto per legge, l’organismo parlamentare relazionando rispetto l’esito e lo sviluppo delle pratiche istruite. Nell’ultimo trimestre del 2017 sono state presentate due pratiche per residenza elettiva a seguito di investimento immobiliare, ma “solo una ha avuto seguito positivo e ha completato il percorso di perfezionamento della pratica previsto per legge”. La seconda (quella del finanziere saudita, Ali Turki), “non ha ultimato la procedura di deposito di documenti richiesti, con conseguente decadenza della delibera di concessione”. Infine, qualche aggiornamento sui primi 4 mesi del 2018 in cui “non sono state presentate nuove istanze”.

Dai commissari di minoranza diverse sono le domande sollevate: Denise Bronzetti, Ps, chiede maggiori informazioni sulla pratica portata a compimento, ma soprattutto aggiornamenti “sull’iniziativa di acquisto di un istituto bancario da parte del signor Ali Turki”, arrivato sul Titano proprio per comprare Banca Cis. (...) “A quanto mi risulta- si limita a dire- la trattativa è ancora in piedi e non ho novità in merito,  anche perché non credo sia io a dover sapere e a dover dare informazioni. Quando si è manifestato l’interessamenti di Turky - chiosa Renzi -, l’ho salutato come dato positivo, anche solo l’interesse è un dato da valutare positivamente. Ci tengo a sottolineare che anche qui non è solo questione di residenze elettive, ma dobbiamo smettere di guardare chi viene a San Marino con sospetto”. (...)