mercoledì 13 giugno 2018 14:53
POLITICHE AMBIENTALI

San Marino. UCS richiede chiarimenti al Presidente AASS e al Responsabile U.O. Studi e Progetti

San Marino. UCS richiede chiarimenti al Presidente AASS e al Responsabile U.O. Studi e Progetti

Dieci le domande

SAN MARINO. UCS richiede chiarimenti al Presidente AASS e al Responsabile U.O. Studi e Progetti 

[c.s.] Nella Giornata odierna, 13 cm, UCS ha inviato al Presidente AASS Dott. Crescentini e al Responsabile U.O. Studi e Progetti Dott. Mazza una lettera per avere risposte in merito alle innumerevoli comunicazioni e segnalazioni inerenti alle problematiche del servizio raccolta stradale carta, plastica, vetro, metalli e gestione rifiuti organici R.S.U (Rifiuti solidi urbani) ed assimilabili.

Le domande sono state le seguenti:

1. Gli appalti si basano sulla media ponderale o sul massimo ribasso?

2. Negli appalti con quale frequenza è prevista la raccolta di carta, plastica, vetro, metalli R.S.U (Rifiuti solidi urbani) ed assimilabili?

3. Negli appalti con quale frequenza è contemplata la pulizia e la manutenzione dei cassonetti?

4. Con quale frequenza c’è un feedback sul lavoro svolto dalle ditte o sulle problematiche riscontrate dalle stesse o dall’utenza?

5. Dalla segnalazioni di disfunzione all’’intervento adottato per la risoluzione che lasso di tempo medio trascorre?

6. Quali correttivi vengono posti in essere per migliorare il servizio e/o se non vengono rispettate le clausole degli appalti?

7. I mezzi di raccolta sono di proprietà delle aziende o sono dati in comodato d’uso alcuni di proprietà dell’AASS ?

8. Il costo di riparazione dei cassonetti danneggiati è a carico AASS o delle ditte appaltanti?

9. Esiste una relazione annuale trasmessa delle ditte ad AASS che funga da comparativa con l’anno prima per migliorare il servizio a livello tecnico/logistico/qualitativo?

10. Esiste una relazione annuale di AASS trasmessa alla Segreteria di Stato di riferimento che funga da comparativa per valutazioni sulla strategia politica migliore da attuare?


La nostra lettera ad AASS, che negli incontri fatti si è sempre mostrata disponibile e propositiva, afferma il presidente UCS Busignani, non è stata fatta in un ottica di ricerca di un capro espiatorio, approdo non corretto e che in ogni caso non porterebbe alla soluzione del problema, ma in una prospettiva di convergenze operative al fine di fare squadra e risolvere in tempi celeri il problema.
Riteniamo che la problematica inerente alla raccolta stradale dei rifiuti sia una delle priorità di questo Paese sia sotto il profilo igienico che d’immagine dello stesso. Arrivare in uno Stato e vedere cassonetti straripanti, maleodoranti e rotti è segno di poca civiltà di uno Stato.

UCS, certa di una tempestiva risposta scritta da parte di AASS, si è resa disponibili ad un ulteriore incontro.
Continueremo nel frattempo ad informare e raccogliere le segnalazioni/domande della cittadinanza.

 

Unione Consumatori Sammarinesi
Il Presidente
Francesca Busignani

Fonte: UCS - USL