giovedì 18 ottobre 2018 16:50
POLITICA

San Marino. Sugli NPL Delta RETE e MDSI non mollano: "Vogliamo i responsabili"

San Marino. Sugli NPL Delta RETE e MDSI non mollano:

"Dare l'ok a quella svendita facendola passare come un'operazione meramente tecnica significa assecondare quel meccanismo perverso rappresentato dall'infiltrazione, all'interno del nostro sistema, di personaggi legati all'Advantage Financial di Confuorti"

SAN MARINO RETE e MDSI vogliono vederci chiaro sui conti relativi agli NPL Delta, a partire dalle relazioni con Confuorti. Soprattutto non sono disposti ad accettare i silenzi delle autorità politiche e finanziarie. 

Non è sufficiente che l'ordinanza del Tribunale ricostruisca le interferenze dirette e indirette di Francesco Confuorti nei singoli processi decisionali e organizzativi, inclusi gli NPL nazionali e quelli di Delta dentro Cassa di Risparmio.

Non è sufficiente sapere che Raffaele Mazzeo abbia avuto un ruolo centrale nell'analisi dei crediti Delta, nella loro svalutazione. Non è sufficiente sapere che Mazzeo, sanzionato da Bankitalia, abbia poi ottenuto un ruolo di Vigilanza in Banca Centrale grazie alla segnalazione di Roberto Moretti, il direttore recentemente revocato dal suo incarico a causa di gravi inadempienze.  Non è sufficiente sapere che le previsioni iniziali prevedevano, in caso di cessione NPL, un introito di 286 milioni di euro per Carisp mentre oggi si continua a parlare di 109 milioni. Che fine hanno fatto i 177 milioni di differenza?

Leggi il comunicato integrale

Fonte: RETE, MDSI