sabato 2 febbraio 2019 06:52

San Marino. Dichiarazione conclusiva del personale della Missione Articolo IV del 2019

La sfida principale di San Marino è di restituire urgentemente la propria economia a un percorso sostenibile di crescita e prosperità. Ciò richiede un'immediata attuazione di un pacchetto completo di azioni politiche volte a stabilizzare il sistema bancario e ripristinare l'offerta di credito salvaguardando nel contempo le finanze pubbliche. La priorità dovrebbe essere data al riconoscimento delle perdite e alla ricapitalizzazione delle banche in anticipo, riducendo rapidamente i costi operativi e i prestiti in sofferenza (NPL) e rivedendo la vigilanza e la governance del settore bancario. Sono necessari anche un risanamento di bilancio sostenibile e favorevole alla crescita e continue riforme strutturali per garantire la sostenibilità del debito pubblico, migliorare la competitività e promuovere la crescita potenziale.

Rischi significativi richiedono azioni politiche immediate

1. Le prospettive di crescita di San Marino sono appesantite da problemi legacy e rischi al ribasso. Le profonde debolezze del sistema bancario, accompagnate da inefficaci e frammentarie risposte ai passati fallimenti bancari, hanno bloccato la crescita del credito e stanno minacciando la stabilità finanziaria e la sostenibilità fiscale. La capacità delle banche di servire una delle loro funzioni critiche nella società come gli intermediari tra risparmiatori e mutuatari è estremamente limitata. L'economia rimane altamente vulnerabile agli shock e, in assenza di un aggiustamento politico rapido e significativo, si prevede che la crescita economica rimarrà modesta nel medio e lungo termine a causa della prosecuzione del deleveraging del sistema bancario e di condizioni esterne meno favorevoli. Elevate fragilità finanziarie e fiscali suggeriscono che le prospettive sono dominate da significativi rischi al ribasso.

2. È urgentemente necessario spostare l'economia verso un percorso di crescita sostenibile. Il ripristino dell'offerta di credito, la stabilizzazione del sistema bancario e la mitigazione dei rischi fiscali richiedono l'immediata attuazione di una strategia coerente che consiste nella ristrutturazione e ricapitalizzazione del sistema bancario, un consolidamento fiscale ambizioso e favorevole alla crescita e riforme strutturali per rafforzare la competitività e sostenere la crescita. Un pieno impegno di tutte le parti interessate a San Marino è di fondamentale importanza per una corretta attuazione di questa strategia.

Ripristinare il ruolo del sistema bancario nell'economia

3. Il sistema bancario è vulnerabile su più fronti. Questo settore sovradimensionato soffre di profondi problemi di capitale, asset quality, governance e redditività. Di conseguenza, la liquidità è scesa a livelli bassi, lasciando il sistema bancario e l'economia vulnerabili agli shock. Le perdite bancarie passate devono ancora essere adeguatamente riconosciute e le ampie necessità di ricapitalizzazione sono rimaste in gran parte non indirizzate, minando la capacità delle banche di estendere il credito all'economia reale. Con una crescita del credito negativa, elevati livelli di crediti in sofferenza e crediti di imposta e costi operativi eccessivamente elevati, si stima che il sistema bancario abbia registrato una perdita nel 2018, il nono anno consecutivo.

4. È urgentemente necessario un approccio su più fronti per ripristinare la redditività del settore bancario. La Banca centrale di San Marino (CBSM) sta compiendo progressi su diversi fronti che promuoveranno la stabilità finanziaria, ma la mancanza di sufficienti poteri, autonomia e consultazione sulle politiche relative al settore finanziario ne ostacola l'efficacia. È necessario migliorare il coordinamento tra le parti interessate delle politiche per progettare e attuare urgentemente una strategia globale del settore finanziario che dovrebbe consistere in misure volte a:

  • Migliora la gestione della liquidità. I buffer di liquidità della CBSM sono diminuiti a livelli bassi negli ultimi anni a causa dei continui prestiti al governo e al settore bancario. La CBSM dovrebbe migliorare la gestione della liquidità e limitare il finanziamento del bilancio solo a esigenze eccezionali e su base temporanea. Sono urgentemente necessarie misure ben sviluppate e comunicazioni attentamente elaborate per rispondere a un potenziale risorgere delle pressioni di liquidità e per salvaguardare il sistema di pagamento.
  • Riconoscere le perdite e ricapitalizzare le banche in anticipo. Le carenze di capitale, che sono in gran parte concentrate nella Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino (CRSM) di proprietà dello Stato, dovrebbero essere affrontate in anticipo e le leggi che consentono alle banche di distribuire le perdite dovrebbero essere abrogate. Il sostegno statale dovrebbe essere fornito solo a banche importanti dal punto di vista sistemico e redditizie, a seguito della condivisione degli oneri, mentre altre banche sottocapitalizzate che non riescono a raccogliere nuovi capitali da fonti private dovrebbero essere soggette a misure correttive.
  • Migliora l'efficienza e la sostenibilità. Gli elevati costi operativi devono essere rapidamente ridotti, anche rivedendo i compensi dei dipendenti e razionalizzando la rete di filiali. La conversione dei crediti d'imposta in beni fruttiferi è fondamentale per ripristinare la sostenibilità a lungo termine delle banche .
  • Accelerare la risoluzione NPL. La vigilanza prudenziale dovrebbe essere urgentemente rafforzata per ridurre i livelli estremamente elevati di NPL, anche richiedendo alle banche di raggiungere obiettivi di riduzione NPL ambiziosi, ma realistici. Ciò dovrebbe essere completato con la modernizzazione del regime di insolvenza, la rimozione dei disincentivi fiscali per lo smaltimento di NPL e la semplificazione dei procedimenti legali per la liquidazione e l'esecuzione. La recente decisione di liberalizzare completamente il mercato immobiliare contribuirà a migliorare i valori di recupero delle garanzie.
  • Rafforzare il controllo e la governance del settore finanziario. Gli strumenti di intervento bancario CBSM devono essere urgentemente portati agli standard internazionali per salvaguardare la stabilità finanziaria. Ciò dovrebbe essere supportato da misure volte a rivedere la legge della Banca centrale al fine di migliorarne l'indipendenza, la governance e la responsabilità. Una migliore comunicazione della CBSM con le parti interessate locali migliorerà la trasparenza e la credibilità.

Salvaguardare le finanze pubbliche e ridurre i rischi fiscali

5. Il costo della riparazione del sistema bancario continua a gravare pesantemente sulle finanze pubbliche. Il budget del 2019 mira a conseguire un piccolo surplus, al netto del sostegno governativo al CRSM. Tuttavia, con l'inclusione dei trasferimenti previsti per il CRSM, la missione proietta il disavanzo complessivo al 2,4% del PIL nel 2019 e circa il 3% del PIL a medio termine a causa della graduale ricapitalizzazione del CRSM da parte del governo e della scadenza delle misure fiscali temporanee . In assenza di ulteriori adeguamenti, i relativi fabbisogni di finanziamento manterranno bassi i buffer di bilancio, minando la resilienza dell'economia.

6. I rischi fiscali sono esacerbati dagli impegni dello Stato nei confronti del sistema bancario. Il debito pubblico ufficiale, sebbene in aumento, dovrebbe rimanere basso al 27,5% del PIL nel 2018. Tuttavia, un riconoscimento dei costi completo e anticipato derivante da precedenti interventi bancari, vale a dire le perdite del passato CRSM e i crediti fiscali concessi alle banche per l'acquisizione di quelli falliti- aumenterebbe in modo sostanziale il debito pubblico, ponendo notevoli rischi di stabilità, in particolare data l'attuale mancanza di accesso al mercato, limitate opzioni di finanziamento interno e debole capacità di gestione del debito.

7. Una strategia fiscale globale è fondamentale per garantire la sostenibilità del debito pubblico, ricostruendo gradualmente i buffer di bilancio . Accanto alla ripartizione degli oneri nella ricapitalizzazione delle banche, dovrebbe essere perseguito un ambizioso aggiustamento fiscale che si basa su misure di entrate e spese durature. In particolare:

  • Reddito. L'IVA pianificata dovrebbe essere adottata con tassi sufficientemente elevati e esenzioni limitate per aumentare la riscossione delle entrate e in un calendario coerente con la capacità dell'amministrazione fiscale. Razionalizzare i rimborsi fiscali dispendiosi e mantenere l'imposta sul patrimonio contribuirebbe anche ad aumentare le entrate.
  • Spesa. Una riforma pensionistica globale che affronti efficacemente le pressioni sull'invecchiamento di San Marino e garantisca la sostenibilità del sistema pensionistico sosterrà gli sforzi di consolidamento fiscale. Una politica sociale ben mirata, in cui i benefici sono testati in base ai mezzi e collegati alla ricerca di lavoro, e una maggiore efficienza di spesa tra le varie unità governative sono anche necessari per contenere le spese. L'introduzione di un indicatore di reddito e ricchezza per sostenere i test di mezzi e il rafforzamento dei controlli sul bilancio delle unità governative e delle imprese statali sono benvenuti.

8. Migliorare la capacità di gestione del debito e diversificare le fonti di finanziamento sovrane contribuirebbe a ridurre i rischi fiscali La creazione di un'unità del Tesoro, il rafforzamento della pianificazione macrofinanziaria e l'accesso a finanziamenti esterni migliorerebbero la capacità del governo di rispondere agli shock e contenere i rischi di finanziamento del debito.

Sostenere le riforme strutturali per stimolare la crescita economica

9. La salvaguardia dello slancio riformatore favorirebbe lo sviluppo futuro e migliorerebbe le prospettive di crescita a medio termine. Le recenti riforme hanno iniziato a dare i loro frutti, ma occorre fare di più per affrontare i restanti ostacoli strutturali. Un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta a:

  • Migliorare ulteriormente l'ambiente aziendale. San Marino ha compiuto progressi nel migliorare il clima degli affari negli ultimi anni, anche eliminando diversi ostacoli per l'avvio di un'impresa. Ulteriori riforme volte a snellire i processi giudiziari, rafforzare i diritti dei creditori e dei mutuatari e migliorare il governo societario migliorerebbero ulteriormente la competitività esterna.
  • Rafforzamento dell'offerta di lavoro. I continui provvedimenti per aumentare la flessibilità nell'assunzione di non residenti contribuirebbero a ridurre i disallineamenti delle competenze e ad alleviare i limiti di capacità. L'Ufficio recentemente istituito per le politiche attive del mercato del lavoro potrebbe sostenere un aumento dell'occupazione e della crescita attraverso benefici sociali più mirati nonché una maggiore formazione e ricerca di lavoro.
  • Aumentare l'integrazione economica e affrontare i divari infrastrutturali. La nuova Agenzia per lo sviluppo economico dovrebbe contribuire ad ampliare l'accesso al mercato per le imprese nazionali, attirare turisti e promuovere maggiori investimenti diretti esteri, mentre una conclusione dell'accordo di associazione con l'UE porterebbe ulteriori vantaggi, tra cui la semplificazione delle operazioni delle imprese sammarinesi all'estero e potenzialmente concedere loro i diritti di passaporto. Questi sforzi dovrebbero essere integrati da maggiori investimenti in telecomunicazioni e trasporti per migliorare la connettività aziendale con i partner commerciali.

Migliorare ulteriormente la fornitura di dati per la sorveglianza

10. Sono stati compiuti progressi nel miglioramento della fornitura di dati. Sono stati compiuti progressi positivi nel riportare regolarmente dati monetari e finanziari e nel compilare per la prima volta le statistiche sulla bilancia dei pagamenti e sulla posizione patrimoniale sull'estero. Garantire che risorse sufficienti siano assegnate all'Istituto statistico e alla CBSM contribuirebbe a colmare le lacune nei dati rimanenti e migliorare la frequenza, la copertura e la comunicazione delle statistiche pertinenti. Ciò consentirebbe alle imprese e ai responsabili delle politiche di valutare meglio lo stato dell'economia e prendere decisioni informate.

La missione desidera ringraziare le autorità, i partecipanti del settore privato e altri interlocutori per le discussioni aperte e produttive e la loro calda ospitalità.

Dipartimento Comunicazione FMI
Fonte: Varie