mercoledì 6 febbraio 2019 10:19
LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE

Eccellenze di San Marino, la storia di Davide Pagliardini

Eccellenze di San Marino, la storia di Davide Pagliardini
Davide Pagliardini al lavoro

 

Negli ultimi anni, in particolare con l’esplosione dei social media e degli smartphone, il settore della grafica è in grande ascesa.

San Marino lo sa bene visto che la facoltà di design della propria università continua a crescere per offerta formativa e quantità di iscritti. Ma nel settore il Titano vanta anche una serie di aziende che si stanno facendo conoscere sempre di più anche all’esterno. 

Tra i professionisti biancazzurri più apprezzati c’è Davide Pagliardini.

Nato a San Marino nel 1989, Davide è un visual designer specializzato in lettering e in motion design. Per chi non ama gli inglesismi stiamo parlando di progettazione di prodotti grafici e multimediali, in particolare animazione video.

Lo abbiamo incontrato per conoscerlo meglio e fargli raccontare come è arrivato dove è ora.

 

Davide, da dove viene la passione per questo lavoro?

“Fin da ragazzino sono stato un grande appassionato di skateboard, surf, ma anche illustrazione, grafica, molta musica, e street art. Si tratta di settori particolarmente densi di comunicazione visuale. Basti pensare al modo di fare comunicazione dei brand specializzati… Sono queste passioni che mi hanno dato quel background visuale che mi è stato fondamentale per la mia carriera”.

 

Cosa intendi?

“Mi considero una specie di collezionatore. Mano a mano che passa il tempo immagazzino dettagli visuali nella mia mente che poi mischio ed elaboro per i singoli lavori grafici”.

 

Qual è stato il tuo percorso di studio?

“Alle superiori ho frequentato l’Istituto statale d’Arte di Urbino - Scuola del libro. Una scuola davvero fenomenale. Poi sono andato a studiare alla Naba, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, importante università privata”.

 

E l’ingresso nel mondo del lavoro?

“All’ultimo anno alla Naba mi hanno offerto un lavoro in uno studio in cui ho imparato davvero tantissime cose ma ho anche capito che non mi piace lavorare in grandi aziende perché ammazzano un po’ la creatività, almeno per quello che è stata la mia esperienza personale.

Dopo qualche tempo, parallelamente, ho aperto un piccolo studio, sempre a Milano, con il mio coinquilino e dopo un anno e mezzo ci siamo licenziati dai rispettivi lavori per impegnarci al massimo nel progetto. Qui ci siamo occupati principalmente di animazione digitale e branding. 

L’esperienza si è completata dopo un paio di anni. Successivamente ho fatto un po’ il freelance sempre a Milano e ormai 3 anni fa sono tornato a San Marino dove sono diventato socio con Davide Farabegoli nel progetto Uovo Lab. Si tratta di un laboratorio creativo dove convergono le esperienze di un network di free lance che offre servizi per la comunicazione”.

 

Davide Pagliardini alle prese con il lettering

 

E come sta andando?

“Direi molto bene! Facciamo pochi lavori per il circondario, più che altro sono commesse che arrivano da fuori. Facciamo foto, video, illustrazioni e motion graphics. 

Tra gli ultimi lavori importanti c’è un advertising per una azienda tedesca che smacchia i jeans in modo naturale. Abbiamo costruito un modellino di montagna fatta con i jeans, nuvole, pioggia e un fiume che decolora il tessuto. Poi lo abbiamo scattato e post-prodotto in digitale, ma la base è totalmente analogica”.

Altre collaborazioni?

“Si. Ad esempio lavoro con i ragazzi di Happycentro di Verona per cui faccio il compositor, cioè quello che unisce i vari pezzi. Uno degli ultimi lavori che ho fatto per loro, di cui sono particolarmente soddisfatto, è lo spot dell’ultima linea di zaini della Comix. L’ho codiretto e interamente animato insieme ad un collaboratore”. 

 

Poi c’è l’insegnamento.

“Si, mi piace molto insegnare. Per circa 4 anni ho insegnato al Naba. Oggi insegno corsi brevi alla facoltà di Design dell’Università di San Marino e diversi workshop in giro per l’Italia”.

 

Un consiglio per i giovani che vogliono intraprendere la sua carriera?

“Non è necessario andare a studiare fuori perché anche localmente ci sono realtà molto belle, a partire dalla stessa università di San Marino, anche se le grandi città naturalmente hanno dei vantaggi molto differenti a livello di panorama culturale. Per me una cosa molto importante è cercare di capire il prima possibile se ci si vuole subito specializzare oppure no, ed in base a ciò scegliere l’indirizzo idoneo”.

 

Qual è una difficoltà dell’ambiente sammarinese che hai riscontrato nella tua carriera?

“Ricordo ancora quando sono andato dalla mia commercialista e le ho chiesto se c’era un compendio che riassumesse gli obblighi per la mia posizione lavorativa. Lei mi ha aperto un armadio, ha estratto due enormi plichi di fogli pieni di bigliettini. E mi ha detto: «Questi sono i documenti che riguardano la tua posizione fiscale e ogni bigliettino è un rimando ad una norma che è cambiata e che è nell’armadio. Come possono racchiudere tutto ciò in un libricino facilmente consultabile?». L’accesso alle norme fiscale per i freelance è difficoltoso, sopratutto se uno non è avvezzo ai linguaggi tecnici burocratici o commerciali".

 

Invece un aspetto particolarmente positivo di San Marino?

“Sono le agevolazioni allo studio. Le borse di studio sono molto importanti e mi hanno aiutato a portare avanti gli studi alla Naba, dato che sono riuscito a tenere una media sufficientemente alta per averne diritto”.

 

Quali sono le tue prospettive future?

“Vorrei studiare molto l’animazione tradizionale, che sono le basi di quello che poi è diventato il mondo del digitale. Si è molto tornati verso l’animazione tradizionale ed è un trend molto interessante.

Allo stesso modo nel lettering - ovvero lo studio del disegno delle lettere, intese come segni grafici - mi piacerebbe molto approfondire la calligrafia tradizionale. Come spiego anche ai miei studenti, è un modo per scoprire più a fondo questo mondo ed avere tanti strumenti diversi per poi applicarli al lavoro. Guardare indietro per andare ancora più avanti”.