sabato 9 febbraio 2019 06:28
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Gas in aumento, stangata per le aziende, Daniele Bartolucci

San Marino. Gas in aumento, stangata per le aziende, Daniele Bartolucci

"L’Autorità dimezza il fattore di ricarico"

Daniele Bartolucci: Nonostante il dimezzamento del fattore di ricarico, il costo finale risulta più alto di prima / Stangata per le aziende: aumentano le tariffe del gas / Ancora nessuna liberalizzazione come in Europa, ma rincari per rifornirsi dall’AASS

Aumentano le tariffe del gas per le aziende sammarinesi, che a partire dal 1 febbraio dovranno tenere conto della nuova struttura deliberata dall’Autorità di regolazione per i Servizi Pubblici e l’Energia. A fronte dell’aumento dei costi di approvvigionamento e distribuzione del gas sostenuti dall’Azienda Autonoma dei Servizi, che passa da 0,2479 €/m3 a 0,28001€/m3, sono state definite le nuove tariffe valide dal 1 febbraio 2019 al 31 dicembre 2019. Gli scaglioni dei consumi mensili sono rimasti gli stessi dell’anno precedente, mentre l’importo delle tariffe è aumentato, nonostante sia stato ridotto il fattore di ricarico percentuale, che nel 2018 -relativamente ai diversi scaglioni- erano pari a 20%, 15% e 10% mentre per il 2019 sono stati dimezzati. (...)

Nessun passo avanti verso la liberalizzazione L’aumento del gas riapre un tema molto caro alle aziende manifatturiere e non solo, ben rappresentate dalle istanze di ANIS che da anni cerca di superare il regime di monopolio di AASS sugli energetici, come invece è accaduto ormai in tutta Europa. Ma non a San Marino, dove lo Stato impone ancora oggi l’obbligo alle aziende di rifornirsi unicamente e direttamente al solo soggetto AASS, con la conseguenza di pagare di più per un bene fondamentale come il gas: costi maggiori che dovranno poi essere ripianati sul ciclo produttivo, togliendo punti alla competitività. A maggior ragione se si pensa che nel contesto europeo il mercato è stato completamente liberalizzato. (...)

Articolo tratto da Fixing da ieri in edicola

Fonte: Fixing