domenica 21 aprile 2019 17:25
RASSEGNA STAMPA

L'ambasciata russa si avvale del diritto di replica per l'articolo su Il Fatto Quotidiano

L'ambasciata russa si avvale del diritto di  replica per l'articolo su Il Fatto Quotidiano

Da il Fatto Quotidiano pubblichiamo un articolo al completo contenente  la replica dell'Ambasciata Russa presso la Repubblica di San Marino  in merito all'articolo  pubblicato sullo  stesso giornale il  18 aprile scorso a firma di Ferruccio Sansa. La replica è seguita da un breve commento dello stesso Sansa.

DIRITTO DI REPLICA.
Nell’articolo pubblicato il 18 aprile “La guerra per salvare il Titano. San Marino guarda alla Russia” si parla di un’inchiesta in corso a San Marino su alcune cittadine sammarinesi e italiane che forse potrebbe essere interessante per i lettori italiani. Naturalmente la Russia non è assolutamente toccata da questa inchiesta. Quello che ha suscitato il nostro stupore è stato il tentativo dell’autore di interpretare in maniera stravagante il contenuto e l’esito della recente visita ufficiale nella Repubblica di San Marino del ministro degli Esteri della Federazione Russa S.V. Lavrov. Viene avanzata l’ipotesi che la Russia cerchi di “dissuadere la Repubblica dalla sigla di trattati con l’Unione Europea”, “bocciare l’avvicinamento di San Marino all’Europa e cacciarla nelle braccia dei russi”, mantenendo “un paradiso finanziario a due passi dalla Riviera, amata dagli oligarchi russi pronti a far girare miliardi”.
A questo proposito vorremo chiarire che la prima, nella storia dei rapporti bilaterali, visita ufficiale di un ministro degli Esteri russo a San Marino è stata un evento importante che ha dimostrato l’intenzione delle parti di sviluppare relazioni realmente paritarie e reciprocamente vantaggiose. Durante i colloqui, l’argomento dell’associazione di San Marino alla UE non è stato neanche sfiorato. La parte russa ha effettivamente espresso la propria soddisfazione per il fatto che la Repubblica di San Marino non abbia aderito alle sanzioni di Ue e Usa alla Russia.
In merito al “mantenimento del paradiso finanziario” per i miliardari russi informiamo che la Repubblica di San Marino è tra i firmatari della Convenzione dell’Organizzazione per la cooperazione economica e lo sviluppo e dell’Unione Europea sul reciproco sostegno amministrativo in materia fiscale, il che presuppone un immediato scambio automatico e trasparente di informazioni in campo tributario.
Ne consegue che la parte russa non dispone né può disporre di alcun canale preferenziale rispetto agli altri paesi partner di San Marino. Per quanto riguarda la nostra concreta collaborazione in campo finanziario, le questioni relative a tale argomento sono in fase di discussione tra gli enti competenti. Nel complesso riteniamo che non valga la pena di addentrarsi in teorie complottistiche che, in un modo o nell’ altro, lanciano un’ombra sui rapporti russo-sammarinesi che si stanno sviluppando in maniera costruttiva e dinamica.

L’AMBASCIATA DELLA FEDERAZIONE RUSSA IN ITALIA E SAN MARINO

 

Ringraziamo l’Ambasciata russa per l’attenzione. Noi non abbiamo “lanciato ombre”, ma riportato interrogativi sul contenuto dei colloqui e dei documenti firmati dal ministro Lavrov e dalle autorità locali. Il sostegno di San Marino - che ha 33mila abitanti ma esprime un voto pesantissimo in tanti organismi internazionali - interessa molti stati. Magari anche la grande Russia.

FERRUCCIO SANSA