mercoledì 19 giugno 2019 07:28
RASSEGNA STAMPA

Ammanco all'Urbanistica, reato prescritto

Ammanco all'Urbanistica, reato prescritto

Ammanco all'Urbanistica, reato prescritto

Non luogo a procedere per il dipendente che aveva già risarcito il danno ed è stata riconosciuta la confessione utilmente resa, anche perché la situazione contabile era all’epoca caotica

Dichiarato il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione nel processo a carico di Lazzaro Moretti, dipendente dell’Ufficio urbanistica che era accusato di malversazione per gli ammanchi registratisi nella cassa di quell’ufficio per 16mila euro circa. In realtà durante il dibattimento la sua posizione si è ridimensionata, da un lato perché è emerso che all’epoca la situazione di cassa all’urbanistica era piuttosto confusionaria e si trascinavano da tempo delle anomalie contabili che non erano state risolte, oltre al fatto che i controlli della contabilità dello Stato non erano così frequenti (...)

Articolo tratto da L'Informazione