domenica 23 giugno 2019 05:48
RASSEGNA STAMPA

La svolta di San Marino: "accordo con l’Ue per uscire dal tunnel". Il Sole 24 Ore

La svolta di San Marino:

 Il futuro di San Marino oggi dipende più che mai dall’Europa

Paese aggrappato a un mondo che non c’è più

ALESSANDRO GALIMBERTI Dieci anni dopo l’inizio della drammatica crisi finanziaria San Marino è al bivio. Chiuso l’ex paradiso fiscale la Rocca sta per diventare associato all’Unione per entrare nel mercato comune. (...)
San Marino infatti, nonostante la geografia totalmente integrata con l’Italia, è oggi “paese terzo” rispetto ai 28 (o 27?), con i quali condivide solo un accordo di cooperazione doganale (1991) e la Convenzione monetaria del 2000, rivista nel 2012, che autorizza, tra l’altro, il Titano a utilizzare l’euro come moneta ufficiale dello Stato. Però oggi, dieci anni dopo l’uscita forzata dalla comoda dimensione di paradiso, questo cordiale rapporto di vicinanza non basta più. Dal 2015 San Marino, insieme agli apparenti (ma solo apparenti) cugini del Principato di Monaco e del Principato di Andorra ha iniziato il percorso di avvicinamento a Bruxelles, chiarendo però dall’inizio di non voler diventare membro Ue, ma solo di ambire a concludere un «Accordo di associazione» caratterizzato da «diritti ed obblighi reciproci, da azioni in comune e da procedure particolari» (articolo 217 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea).
Il Titano ha un disperato bisogno di Europa, «ma desidera essere considerato nelle sue peculiarità - dice il Segretario di Stato agli affari esteri, Nicola Renzi - Abbiamo bisogno di individuare limitazioni ad alcuni delle libertà che altrimenti travolgerebbero i nostri Paesi così piccoli, dalla libertà di stabilimento delle persone fisiche alla libera circolazione dei lavoratori fino alla libera prestazione dei servizi». Servono insomma quote “tetto” prestabilite nell’ambito di una sperimentazione temporalmente definita, servirebbe anche una «maggior elasticità e un periodo di adattamento ai parametri del Pil, della disoccupazione, del contenimento della popolazione residente»
. (...)