mercoledì 10 luglio 2019 07:10
RASSEGNA STAMPA

Crisi Cis, dai dipendenti la richiesta di soluzioni concrete

Crisi Cis, dai dipendenti la richiesta di soluzioni concrete

Crisi Cis, dai dipendenti la richiesta di soluzioni concrete

Siano analizzate con equilibrio e concretezza tutte le soluzioni compresa la cessione a terzi per salvaguardare l’occupazione. Ulteriore elemento di chiarezza l’accertamento delle responsabilità

Il 21 luglio a mezzanotte termina l’ultima proroga della sospensione dei pagamenti di Banca Cis. E’ giunta quindi il momento di prendere una decisione in merito. L’Assemblea dei Dipendenti di Banca Cis e le Organizzazioni Sindacali con una nota vogliono portare a conoscenza dell’opinione pubblica le proprie posizioni in merito alle possibili soluzioni della vicenda Banca Cis. E’ “essenziale e doveroso - si legge nella nota - che, con equilibrio e concretezza, vengano analizzate tutte le possibili soluzioni - concrete e sostenibili - necessarie per consentire il superamento dello stato di crisi attuale, ivi compresa l’ipotesi di cessione a terzi della Banca, con l’obiettivo di salvaguardare i risparmiatori ed i Dipendenti e senza ‘far gravare’ il peso dell’eventuale risanamento sulla collettività. Elementi imprescindibili dell’ipotesi di eventuale cessione ad un terzo - prosegue la nota - dovranno essere la piena sostenibilità del ‘piano industriale’, la concretezza dell’investimento, il mantenimento dell’occupazione e della continuità operativa, nell’ottica di salvaguardare l’integrità aziendale". (...)

Tratto da L'informazione di San Marino