martedì 16 luglio 2019 11:21
BANCA CIS

Usl chiede azioni di responsabilità

Usl chiede azioni di responsabilità
La sede dell'Unione sammarinese dei lavoratori

“Si sono riuniti nella giornata di ieri i direttivi Usl per affrontare con urgenza la situazione relativa alla crisi di Banca Cis, con le relative ricadute su fondi pensione, dipendenti e correntisti”.

Ne dà notizia l’Unione sammarinese dei lavoratori, i cui membri del direttivo esprimono in una nota “forti preoccupazioni” per “le risorse pubbliche" allocate in Banca Cis ma, allo stesso tempo, “massima fiducia” sull’operato del Consiglio di previdenza, ”che sta gestendo la situazione con massimo impegno e professionalità”.

“È però necessario un progetto organico di ristrutturazione dell’intero settore bancario – afferma nella stessa nota il segretario generale dell’Usl, Giorgia Giacomini – in un’ottica di sostenibilità per l’intero sistema Paese, altrimenti ci ritroveremo sistematicamente ad affrontare situazioni di crisi contingenti come quella attuale”.

I direttivi dell’Unione sammarinese dei lavoratori, si legge nel comunicato, hanno "chiesto con forza che vengano messe in atto tutte le azioni tese all’accertamento delle responsabilità nei confronti di chi si è reso protagonista e complice di questo dissesto bancario; misure che non possono più essere solo annunciate, ma devono essere poste in essere concretamente”. Tutto ciò, sostiene il sindacato, “non per un mero senso di giustizialismo, bensì come atto dovuto nei confronti di tutti i cittadini, lavoratori, pensionati onesti di questo Paese”.

Infine, sulla stessa questione, interviene anche il segretario Servizi dell’Usl, Lucia Ceccoli, che nelle ultime righe del comunicato dichiara: “Non meno importante è adoperarsi per la più ampia tutela occupazionale perché dietro ogni dipendente ci sono delle professionalità e delle competenze acquisite nel tempo che vanno salvaguardate e non disperse, senza dimenticare che si sta decidendo il futuro di circa 80 famiglie, che da mesi vivono una situazione di precarietà e incertezza, e che meritano la massima attenzione e sensibilità di tutte le parti in campo”.