mercoledì 24 luglio 2019 18:02
UNIVERSITA'

San Marino. Nove aziende del territorio al centro delle tesi di laurea in Ingegneria Gestionale

San Marino. Nove aziende del territorio al centro delle tesi di laurea in Ingegneria Gestionale
Un momento di una presentazione

"Nove tesi di laurea che confermano il legame fra l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino e le aziende del territorio, sia sul Titano che in Romagna, sono state discusse lunedì 22 luglio durante una sessione in cui un totale di dieci studenti dell’Ateneo sammarinese hanno concluso il percorso triennale in Ingegneria Gestionale, facendo registrare risultati di prestigio: quattro 110 e lode, la votazione massima, e tre 110".

Lo comunica l'Università di San Marino, aggiungendo: "Fra le ditte coinvolte nelle analisi erano presenti il Colorificio Sammarinese, Mr. APPs, Passepartout, Viscount, Focchi, Oxigene, Primo Miglio ed Erbavita. Gli ambiti interessati: la produzione di vernici, lo sviluppo di applicazioni per telefonini, strumenti musicali, start up, alberghi, architettura e non solo.

A coordinare gli studenti durante le fasi che hanno condotto alle tesi di laurea sono stati i docenti Leonardo Tagliente, Pietro Renzi, Alberto Dormio, Massimo Bertolini e Mauro Corticelli: “Questi eccellenti risultati mettono in evidenza le capacità e l’impegno dei nostri studenti, valorizzando allo stesso tempo un sistema universitario nel complesso sempre più virtuoso, al quale contribuiscono docenti capaci di sostenere e guidare le ragazze e i ragazzi verso il raggiungimento di obiettivi ambiziosi”, spiega Tagliente. “Il presidente della commissione, Alberto Dormio, all’atto della proclamazione dei voti ha sottolineato con forza la straordinaria qualità dei risultati e le interessanti opportunità di sviluppo lavorativo e sociale che si aprono per gli iscritti al corso di laurea in Ingegneria Gestionale del nostro Ateneo. A proposito, una parte dei neolaureati proseguirà gli studi a San Marino frequentando il programma magistrale organizzato sul Titano in collaborazione con l’Ateneo di Parma”.