giovedì 10 ottobre 2019 16:05
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Tana Libera tutti, Antonio Fabbri

San Marino. Tana Libera tutti, Antonio Fabbri

Le scelte politiche di Civico10 e del vertice di Ssd, hanno dato in mano agli autoritari e arroganti oppositori la possibilità di mettere le mani sulla giustizia, sul tribunale e sul “conto Mazzini”.

Scelte scellerate senza spina dorsale in favore di una restaurazione, rinnegata ma favorita con ogni mezzo a causa, evidentemente, di una insipienza politica o di una convenienza o di una connivenza.

ANTONIO FABBRI Hanno un bel dire, adesso, Ciacci e compagnia, assieme ai vertici di Ssd, che i giudici bisogna nominarli e i processi bisogna farli! O lo dicono perché tanto sanno che non avverrà, o lo dicono perché sono sprovveduti. Nell’uno e nell’altro caso, difficile dire che futuro politico possano garantire.
Hanno un bel dire che il “Mazzini deve andare avanti”! Hanno dato mano Libera all’ostruzionismo sulla giustizia, alla denigrazione dei giudici, all’insulto personale e alla relativa propaganda anti-tribunale, affidata a una serie di rinviati a giudizio non proprio disinteressati e a un partito che con il conto Mazzini ha visto inquisita buona parte dei suoi uomini di punta oltre al venire a galla del sistema di corruttela, voto di scambio, viaggi elettorali del quale era parte. Che cosa pretendevano gli strateghi di C10 e Ssd? Che sarebbe andato tutto liscio dopo la loro geniale mossa di fare sciogliere il Consiglio Grande e Generale? (...)

Leggi l'articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 22