giovedì 7 novembre 2019 09:53
CAMBIAMENTO CLIMATICO: ECCO COSA DICE LA NASA

San Marino. Clima: “I cambiamenti climatici stanno avvenendo più velocemente del previsto"

San Marino. Clima: “I cambiamenti climatici stanno avvenendo più velocemente del previsto

 Eric Fetzer del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena è uno dei responsabili del progetto AIRS (Atmospheric Infrared Sounder), dispositivo collegato al satellite Aqua, lanciato nel 2002, in grado di analizzare molti parametri chimici presenti in atmosfera, come il vapore acqueo, l'anidride carbonica, l'ammoniaca, il metano e il monossido di carbonio, oltre alla temperatura globale.

Fetzer in una recente conferenza ha posto l'accento sugli importanti risultati scientifici ottenuti grazie ad AIRS. E' stato provato scientificamente che il sistema climatico terrestre è influenzato significativamente dall'aumento del biossido di carbonio in atmosfera, come precedentemente previsto dai modelli climatici. Non ci sono più dubbi sul ruolo centrale sul riscaldamento globale della CO2, le cui emissioni in eccesso derivano dalla combustione dei combustibili fossili da parte dell'industria, dei trasporti e di molte altre attività umane. Il biossido di carbonio (CO2) crea il cosiddetto “effetto serra”.

Perché all'interno della tua macchina diventa così caldo se la lasci al sole anche in una giornata fredda? Il vetro ha un comportamento simile a quello del biossido di carbonio. Il calore del sole (sotto forma di lunghezza d'onda) attraversa facilmente il vetro del parabrezza, ma quando la luce riscalda gli oggetti all'interno dell'auto, questi emettono calore sotto forma di radiazione infrarossa, la quale ha una lunghezza d'onda maggiore, e la maggior parte di queste lunghezze d'onda non riescono ad attraversare il vetro in senso inverso. Il caldo viene così intrappolato all'interno dell'automobile.

La CO2 dunque forma come una pellicola trasparente che fa entrare il calore del sole e ne impedisce l'uscita verso lo spazio.
Fetzer a tal proposito ha affermato “Questi cambiamenti stanno avvenendo più rapidamente di quanto gli scienziati si aspettassero. Non mi aspettavo di vederli in un periodo di soli 17 anni", cioè da quando AIRS ha iniziato a registrare i dati climatici dallo spazio.” La cosa più preoccupante è la scoperta di fattori che triplicano l'effetto serra della CO2 e uno di questi è il vapore acqueo. In poche parole, la CO2 aumenta la temperatura del globo terrestre, maggiore caldo significa maggiore vapore acqueo libero in atmosfera, dunque amplificazione dell'effetto serra, un sistema che si sta auto alimentando e che sta diventando sempre più incontrollato e impattante.

I dati ottenuti dal
AIRS inoltre stanno mettendo in evidenza come l'impatto maggiore si stia registrando nell'atmosfera dell'Artico dove si stanno registrando valori di vapore acqueo sempre maggiori a causa dello scioglimento dei ghiacci. L'effetto serra qui è ulteriormente amplificato e l'aumento della temperatura media annua è maggiore rispetto al resto della Terra.

Nicola Montebelli

 

bibliografia: 
climate.nasa.gov§
Senza alibi, James R. Flynn