lunedì 18 novembre 2019 22:33
L'INFORMAZIONE DI SAN MARINO

San Marino. I politici stanno pensando a salvarci?

I politici stanno pensando a salvarci?

Marino Cecchetti

Comincia la campagna elettorale. Siamo, come Stato, in condizioni pessime. I politici stanno pensando a salvarci?

Il debito pubblico ammonta a 1,2 miliardi di euro. Oltre 34mila euro a testa. E ancora, forse, non è stato “palesato in tutta la sua gravità”. Eppure nei programmi delle sei formazioni politiche non ci sono capitoli specifici sull’argomento. Digitando “debito pubblico” si trovano 3 o 4 accenni. Un paio di frasi, singole parole o poco più.

C’è chi sostiene che al 90% il debito proviene dal settore finanziario, il regno delle tangenti. Politici corrotti hanno ‘tenuto la balla’ a  filibustieri senza scrupoli usi a prelevare soldi pubblici - tanti! - per chiudere i buchi: utili in tasca e perdite a carico dello Stato.

La corruzione, stando alle cronache, ha smosso 800-1100 milioni di euro. Alla sbarra anche 8 ex Segretari di Stato e 5 ex Capitani Reggenti. Ci sono state condanne fino a 8-9 anni di reclusione.

Eppure, sull’argomento, nei programmi elettorali, non ci sono capitoli  dedicati ai provvedimenti che i politici intendono mettere in atto nella prossima legislatura per tirarci fuori definitivamente da Titanopoli. Nemmeno solo pagine. O paragrafi. O periodi. Se si digita “corruzione politica” il computer risponde: “la ricerca non ha dato risultati. Eseguire una ricerca diversa?”.

Corruzione”  da sola compare due volte, se non andiamo errati. E di sghimbescio.

Allora si è passati a digitare “prescrizione” ricordando che - indignati per i ritardi nei processi - si è chiesto da più parti, anche recentemente, di allungare, per i politici, appunto i termini della prescrizione. Ebbene digitando “prescrizione” il computer risponde come sopra: nessun risultato. Anzi, no. Un risultato c’è: riguarda … i farmaci.

Il Paese ha una febbre da cavallo. Si aspetta dai politici una cura  efficace e adeguata. Non placebo.