martedì 26 novembre 2019 10:35
AGRICOLTURA

San Marino. Gli agricoltori guardano al futuro con entusiasmo e timori

San Marino. Gli agricoltori guardano al futuro con entusiasmo e timori

“Un settore vitale per il Paese, anche se troppo spesso relegato nel ruolo di cenerentola nel dibattito politico ed economico, che si appresta ad affrontare la sfida epocale del passaggio al biologico con entusiasmo, seppur tra non pochi problemi”.

È questa, in estrema sintesi, la fotografia del settore agricolo sammarinese che è emersa dai lavori del convegno “Il settore agricolo ed agroalimentare sammarinese: attualità, ruolo e prospettive”, organizzato domenica scorsa a Villa Manzoni dall’Associazione sammarinese produttori agricoli, per celebrare i 60 anni di vita.

“Interventi e dibattiti hanno trattato il ruolo del comparto agricolo oggi e le prospettive; la realtà emergente della agricoltura biologica e il progetto San Marino Bio; il ruolo della cooperazione quale strumento di aggregazione dei produttori agricoli e di valorizzazione e commercializzazione delle produzioni agricole e zootecniche”, si legge in un comuicato.

Il presidente di Aspa, Lorenzo Canini, nel proprio accorato discorso di apertura dei lavori, ha voluto ricordare “la lungimiranza dei nostri padri per aver dato vita all’associazione nel lontano 1959, avendo capito come il rimanere uniti potesse rappresentare l’unica arma vincente nei confronti delle istituzioni e di un contesto economico e sociale che stava cambiando”.

“Abbiamo davanti uno scenario macroeconomico preoccupante e pieno di incertezze - ha aggiunto entrando nel vivo - che nel nostro settore si manifestano in ulteriori criticità a cui occorre far fronte attraverso un impegno anche della parte politica, come ad esempio l’aggiornamento della normativa vigente datata 1989, che possa dare un segno incisivo per risolvere i problemi che da anni caratterizzano il nostro comparto”.

Leggi il testo integrale della nota stampa