lunedì 13 gennaio 2020 09:45
PUBBLIREDAZIONALE

A Dogana il locale più originale di San Marino: la toasteria Veranda

A Dogana il locale più originale di San Marino: la toasteria Veranda

 

Definire il Veranda non è semplice. O meglio, non è facile etichettarlo, dato che volutamente nasce per uscire dagli schemi e infrangere le convenzioni.

Si trova al piano terra della torre B del World Trade Center di Dogana e quindi verrebbe naturale immaginarsi un locale pensato su misura per gente d'affari. Invece è stato concepito per attirare in particolare i giovani, con un menù gustoso e veramente originale, cocktail, musica live e un arredamento da esterno all'interno.

Si, in effetti servono tanta passione, conoscenza del mestiere, molta fantasia e un pizzico di follia per aprire a San Marino un locale così. 

 

Lo ammette lo stesso titolare, Daniel Ceccoli. Sammarinese nato in Argentina, inizia a fare il barman da adolescente. Nel 2000 si trasferisce a San Marino e continua a crescere nel settore lavorando negli U.S.A. e in Riviera. Nel 2014 apre il Chiosco Summer Season, bar in centro a Serravalle. Il locale è pensato per essere aperto solo d'estate e diventa ben presto un punto di riferimento famoso anche fuori confine, con protagonisti cocktail con ingredienti di prima qualità, in particolare frutta. Qui conosce Valentina Gobbi, che da collega diventa nel tempo compagna di vita. È al suo fianco anche in questa nuova avventura, partita nemmeno un anno fa.

 

 

"Era da un po' che pensavo ad aprire un nuovo locale a San Marino - racconta Daniel - in cui preparare pasti veloci che non fossero i classici hamburger o piadine. Qualcosa come una toasteria, tipo di locale che in Italia sta avendo sempre più successo. E quando nel 2018 l'Università di San Marino ha deciso di spostare al Wtc una parte della facoltà di Design ci siamo messi in moto". A dicembre, dopo qualche mese di trattative, Daniel ottiene il locale in cui ora sorge il Veranda, che all'epoca è niente più che uno dei tanti uffici del Wtc.

 

Il menù

Trovata la sede la sfida da vincere diventa quella di decidere nel dettaglio cosa servire ai clienti. "Per creare il menù ho pensato di coinvolgere due grandi chef che sono anche amici. La prima è Patricia Mestre, bravissima cuoca e food designer americana di stanza a Miami da 5 anni, con un passato a San Marino. Ho pensato a lei - continua a spiegare Daniel - per la sua conoscenza dei prodotti italiani e per la grande conoscenza della cucina internazionale. Poi abbiamo contattato Mariano Guardianelli, chef argentino del ristorante "Abocar due cucine" di Rimini con una stella Michelin all'epoca appena guadagnata. Li abbiamo fatti venire entrambi qui nel locale per studiare insieme il menù che ora è a disposizione di tutti i clienti".

 

Daniel è molto soddisfatto del risultato: "Qui nella nostra zona il toast è conosciuto ai più come pane con prosciutto cotto e formaggio, oppure  con l'aggiunta di salsa ai funghi. Noi invece abbiamo pensato a toast gourmet con ingredienti freschi, a partire dai pani, anche particolari, che vengono realizzati dal Panificio Zanotti di Faetano. I salumi sono prodotti particolarmente di qualità e sono realizzati dalla San Marino Prosciutti. Per quanto riguarda i formaggi ci riforniamo dalla Latteria di San Marino".

 Il tutto accompagnato da una ampia gamma di birre del birrificio Amarcord, oltre che ad una selezione di prima qualità di vini.

 

 

Anche le patatine fritte al Veranda non sono semplici patatine ma diventano piatti golosi con formaggio cheddar, bacon, erba cipollina oppure con blue cheese o tartufo.

E in aggiunta ad i toast gourmet, al Veranda è possibile anche ordinare squisite insalate, tacos e burritos messicani.

Non solo nel menù ma anche nei dipendenti e nei soci del locale c'è un tocco internazionale. La chef ad esempio è Serena Boschi, una sammarinese che ha lavorato negli USA.

 

La nascita del nome e l'arredamento

"Dopo che abbiamo deciso cosa inserire nel menù - racconta ancora il titolare - arriva il momento di capire come arredare il locale. Il WTC è un complesso gradevole ma fatto di vetro, cemento e acciaio. Abbiamo notato che mancava un tocco per renderlo un po' più come una abitazione. Di qui nasce l'idea di un luogo che richiama a calore, famiglia, buon cibo, allegria: la veranda. 

Da qui ci siamo concentrati sull'arredamento interno, con l'obiettivo di ricreare un ambiente esterno all'interno del locale". 

Il risultato è qualcosa di unico, che colpisce e lascia di stucco chi entra per la prima volta. Una parete è diventata la parte esterna di una casa, e di fronte è stato creato un pergolato in legno sotto al quale sono stati posizionati i tavoli.

 

"Siamo molto soddisfatti del risultato - sorride Daniel - che è stato il frutto di un grande lavoro. Abbiamo in gran parte cercato di "arrangiarci" con le nostre forze. Ad esempio tavoli, bancone, panche e la stessa veranda sono tutti fatti da noi". Parola d'ordine è stata fantasia: ad esempio vecchie botti per il vino risalenti agli anni '40 sono diventate una panca e una postazione Dj. Il bancone del bar è stato ricavato da un bellissimo tavolo in legno e metallo, trovato ad un mercatino. "Se il risultato è quello che si può osservare è merito del supporto di amici come Roberto Gobbi detto Bico, Reinaldo Sanchez per gli amici Rey il cubano, Juan Carlos Pasquali detto Juanka. 

Ma anche dei professionisti Luca Casadei, costruttore, scenografo, designer e decoratore d'interni che ha fatto un grandissimo lavoro nella costruzione della finta casa.

L'ideazione e la progettazione a cura della designer Gasperoni Erica e la fornitura dell'illuminazione di Pianeta Luce.

 

L'esperienza Veranda

Il Veranda è stato inaugurato il 28 marzo 2019. Da allora sta riscuotendo sempre maggiore successo per i suoi toast e per la sua atmosfera originale, ospitando feste di laurea, eventi, cene aziendali.

Ad esempio anche gli aperitivi sono fuori dagli schemi. Viene portato un tagliere di fonduta, 4 salse diverse con cui condire verdure, carne e altri ingredienti. "È un modo particolare - spiega Daniel - per farlo essere un momento ancora più speciale di condivisione tra le persone.  Volutamente nel locale non ci sono tv, non ci sono giornali o riviste. Il Veranda è pensato per unire le persone, per farle stare bene insieme, mangiando uno sfizioso panino e sorseggiando qualche buon cocktail".

A proposito di cocktail, anche qui c'è tanta fantasia e qualità da scoprire. Ci sono ingredienti particolari come il Gosling, un rum delle Bermuda da 75,5 gradi, vermouth ricercati e gin per intenditori. 

Il Veranda è aperto a pranzo, aperitivo, cena e dopo cena tutti i giorni eccetto il lunedì che rimane chiuso per cena. 

World Trade Center,
Via Consiglio dei Sessanta n.99
Dogana (San Marino)
0549 963610
 
Seguici sulle nostre pagine Facebook e Instagram