mercoledì 27 maggio 2020 15:56
ESTERI

San Marino. Iniziativa adriatico-ionica compatta nella lotta al coronavirus

San Marino. Iniziativa adriatico-ionica compatta nella lotta al coronavirus
Il segretario di Stato per gli Affari Esteri, Luca Beccari

Il segretario di Stato per gli Affari Esteri, Luca Beccari, è intervenuto stamani nel corso del consiglio ministeriale dell’Iniziativa adriatico-ionica.

Da una nota istituzionale si apprende, infatti, che l’incontro "si è svolto in videoconferenza e ha coinvolto i responsabili degli Affari Esteri dei principali Paesi che si affacciano sui mari Adriatico e Ionico, membri dell’Iniziativa".

Esattamente 20 anni fa Albania, Bosnia e Erzegovina, Croazia, Italia, Grecia e Slovenia "avevano adottato la 'Dichiarazione di Ancona' e dato vita all’Iniziativa adriatico-ionica come strumento di cooperazione regionale e di promozione della stabilità politica ed economica dell’area".

Ai sei Paesi fondatori "si sono poi aggiunti Serbia, MontenegroMacedonia del Nord". Nel 2019 "anche San Marino è entrato a farne parte, portando a 10 il numero dei Paesi membri ed allargando in tal modo la rete di partenariato e di condivisione di proposte".

In apertura del suo discorso, il segretario di Stato per gli Affari Esteri, Luca Beccari, "ha inteso rappresentare ai colleghi le difficoltà affrontate con impegno e determinazione dalla Repubblica nella delicata fase di emergenza sanitaria mondiale".

"Si è trattato - ha detto Beccari - di una situazione di forte vulnerabilità, che ha sicuramente inciso in maniera pesante sul nostro Stato. San Marino ha dato prova di unità e di coraggio, forte della solidarietà dei suoi cittadini e della cooperazione internazionale".

Nel contrasto all’epidemia grande importanza, riporta la nota della segreteria Esteri, "ha giocato la cooperazione regionale, che con la vicina Italia si è concretizzata in maniera proficua". Fin dagli esordi, le istituzioni sammarinesi "hanno lavorato in stretto contatto con quelle italiane, per lo scambio reciproco di informazioni e di dati sanitari, ma anche per il rientro dall’estero dei concittadini e dei residenti".

Beccari ha quindi rivolto ai colleghi in videconferenza l’invito a “lavorare insieme al di là dei confini, a cooperare come comunità regionale per gestire congiuntamente le inevitabili ripercussioni della pandemia sul sistema economico internazionale”. Fra i settori individuati da Beccari come comune prospettiva di stabilità nel prossimo futuro "ci sono sicuramente il turismo, la cultura, i trasporti e l’energia; settori altamente strategici, che meritano una particolare attenzione proprio perché risultano tra i più colpiti".

"Solo unendo il potenziale che ciascuno dei nostri Paesi può esprimere in questi campi - ha concluso Beccari - potremo favorire il consolidamento dell’area Adriatico-Ionica e renderla ricettiva agli investimenti del futuro più imminente".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Fonte: SdS Esteri