martedì 23 giugno 2020 06:38
RASSEGNA STAMPA

San Marino sul mercato, Titano bond in arrivo. Simone Filippetti, Il Sole 24 ore, da Londra

San Marino sul mercato, Titano bond in arrivo. Simone Filippetti, Il Sole 24 ore, da Londra

Al vaglio emissione da 500 milioni

Da oggi il voto in Parlamento della Rocca

Il Sole 24Ore, SIMONE FILIPPETTI San Marino sul mercato, Titano bond in arrivo

La Repubblica di San Marino si prepara a lanciare il suo primo “Titano Bond”. L’estate del Covid rimarrà nella storia della piccola nazione come quella del debutto sul mercato dei capitali. A metà luglio sarà collocato sul mercato il primo titolo sovrano della sua storia secolare. Dopo anni di tentativi, questa sembra la volta buona: è da almeno il 2015 che lo Stato ha sul tavolo il progetto di un’emissione sovrana.

Una banca d’affari internazionale sta sondando il terreno, a Londra, per capire accoglienza e appeal del “Titano Bond”, il titolo del debito sovrano, una novità assoluta per la repubblica incastonata sul monte Titano. Il futuro del debutto di San Marino tra i “sovereign” si deciderà nel giro di poche settimane: da oggi il Parlamento si riunirà per approvare varare una modifica alla Legge di Bilancio per 500 milioni. Una delega ampia, che però poggia sul pilastro di titoli di stato da lanciare sul mercato. (...) 

Oltre a finanziarsi sui mercati internazionali, San Marino sta valutando anche altre soluzioni innovative, come lanciare una sorta di “fiscovaluta”: nella sessione che si apre oggi il Consiglio Grande e Generale (il locale parlamento) dovrà, infatti, pronunciarsi su un disegno di legge predisposto dalla maggioranza di Governo che ha definito il perimetro dei “Certificati di Compensazione Fiscale”, i CCF: sono una sorta di moneta fiscale, dei titoli di credito emessi dallo Stato con i quali lo Stato garantisce uno sconto fiscale equivalente al valore nominale del titolo, circolanti su un sistema di scambio interno. Lo strumento sarebbe un generatore di liquidità per aiutare famiglie e aziende in difficoltà a seguito della recessione da Covid: è un esperimento per alcuni aspetti simile al Sardex, la “moneta” complementare introdotta in Sardegna. (...)

 A inizio aprile, in piena pandemia, l’agenzia di rating Fitch aveva abbassato il giudizio da Tripla B- a Doppia B, cosa che si rifletterà sul rendimento. Sotto la soglia della Tripla B, infatti, si entra nel girone dei titoli “High-Yield”, con alti tassi di interesse,a fronte di un rischio maggiore. Ma in epoca di tassi negativi, il costo del funding per San Marino potrebbe essere allettante. (...)  

Articolo tratto da Il Sole 24 Ore