martedì 8 settembre 2020 16:26
IL CASO

San Marino sempre più "terra della libera danza"

San Marino sempre più

Nuovo capitolo della vicenda “San Marino, terra della libera danza”.

Dopo il servizio de “Le Iene” e il comunicato dai toni molto duri del Congresso di Stato in risposta proprio al programma di Italia 1, anche il quotidiano italiano “Il Resto del Carlino” parla del fatto che in molti dalla vicina Italia sono approdati sul Titano, per almeno una sera, per ballare liberamente, senza dover pensare alle stringenti normative anti-Covid sulle serate in discoteca e nei locali.

Una delle mete di questo curioso pellegrinaggio è il Podere Lesignano. Testimone oculare per una sera è il giornalista Lorenzo Muccioli che nell’articolo parla di “parcheggio pieno e tantissime auto posteggiate lungo la strada. Le targhe sammarinesi, però, si contano sulle dita di una mano. Qui arrivano tutti da Rimini, Cesena e Pesaro e qualcuno anche da più lontano".

Il pubblico è eterogeneo: si va dai 20 fino ai 50-60 anni, mentre la pista da ballo “si trova nel piazzale del podere, tra filari d’uva e olivi”.

"Vi ricordiamo che per i balli di coppia e negli spazi al chiuso è obbligatorio l’uso della mascherina", è ciò che il dj ripete a intervalli di 10-15 minuti, "come un mantra, tra un merengue e l’altro”. In pista, racconta Muccioli, “tutti sembrano essere ligi al dovere: uomini e donne volteggiano con la mascherina premuta su bocca e naso”.

Il cronista de Il Resto del Carlino non riesce ad entrare nel locale ma raccoglie qualche testimonianza di chi è in fila con lui: "Dopo mesi chiusi in casa, cosa si aspettavano, che rinunciassimo alla nostra passione? No, piuttosto mi faccio qualche chilometro di macchina in più e vengo a San Marino. No, non ho paura di essere contagiato, anche perché senza mascherina non ti fanno nemmeno entrare", dice Marco, 50enne abbronzatissimo, che arriva da Bellaria in compagnia di amici. "Ci vuole un po’ di prudenza – aggiunge Marica –, ma senza il ballo io non so stare. Speriamo che tolgano i divieti anche in Italia".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782