martedì 15 settembre 2020 19:52
IL CASO

"È ora che San Marino si assuma le sue responsabilità e tuteli i cittadini italiani"

"Il sottoscritto Avv. Marino Federico Fattori con il presente comunicato stampa intende riportare l’attenzione sul caso della signora G.M.M.C. tutt’ora irrisolto.

Dopo i precedenti due comunicati stampa e l’interessamento sulla vicenda da parte del precedente Ambasciatore d’Italia a San Marino Dott. Cerboni, la Segreteria di Stato agli Affari Esteri ha risposto all’Ambasciatore Cerboni con un laconico quanto generico comunicato con il quale si ribadiscono gli ottimi rapporti Italo-Sammarinesi e la costante attenzione del Governo sulle vicende dei singoli cittadini dei due stati.

Tale risposta, evidentemente, non può che lasciare insoddisfatta la mia cliente, la quale vede sulla sua vicenda una persistente volontà di difendere l’indifendibile a tutti i costi.

Purtroppo le ultime vicende che riguardano il Tribunale e gli organi giudiziari non depongono per una soluzione rapida della vicenda dal punto di vista giurisdizionale, fatto che ha aggravato le difficoltà materiali e psicologiche della signora G.M.M.C., infatti come noto la persistente incertezza sulla vicenda Asset Banca ha bloccato da anni la vertenza giurisdizionale.

A quanto sopra si aggiunga che la stessa signora G.M.M.C. si è vista, giustamente, cancellata dall’elenco dei debitori di Banca Centrale riferita all’anno 2019, fatto che ha comportato una esplicita richiesta sulle motivazioni di tale cancellazione che, ovviamente vanno a comprovare – qualora ve ne fosse ulteriore necessità rispetto alle corpose prove documentali che scaturiscono delle indagini penali – la truffa e gli abusi perpetrati ai suoi danni dall’allora Banca Commerciale Sammarinese SpA agevolata dall’inerzia e/o omissioni  di una Banca Centrale che, a tutt’oggi, pare che in questo paese  goda di una immunità maggiore di quella riservata ai parlamentari.

È ora che lo Stato di San Marino si assuma le sue responsabilità e sia conseguente con quanto scritto sul comunicato inviato all’Ambasciata di Italia e cominci a tutelare sul serio i cittadini italiani che hanno dato fiducia a questo paese e che dallo stesso sono stati prima truffati e poi traditi nel vedere riconosciuti i propri diritti.

Non tutti i cittadini italiani infatti – prova ne sia la vicenda della signora G.M.M.C. – hanno usufruito del “sistema sammarinese” per ripulire danari di provenienza illecita".

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Fonte: Varie