sabato 19 settembre 2020 08:44
RASSEGNA STAMPA

San Marino. "L'ovvietà dell'incredibile", l'editoriale di Antonio Fabbri

San Marino.

Siamo all’ovvietà dell’incredibile, inteso nel senso di non-credibile.

ANTONIO FABBRI - Quando si sente dire in Consiglio dall’avvocato Gian Nicola Berti che quella del Commissario per i diritti umani, Dunja Mijatović, “non è una reprimenda, ma è un atto nel quale si dice che il Consiglio d’Europa si mette a disposizione di San Marino per compiere determinate scelte”, vien da chiedersi se abbia letto la stessa lettera che hanno letto tutti; la stessa comunicazione che ancora ieri faceva bella mostra di sé nella prima pagina del sito del Consiglio d’Europa dedicata ai diritti umani. Vien da chiedersi se abbia letto almeno il titolo di quella pubblicazione sempre nella prima pagina del sito: “Commissioner calls on the authorities of San Marino to refrain from actions jeopardising the independence of the judiciary”. Tradotto: “Il Commissario invita le autorità di San Marino ad astenersi da azioni che mettano a repentaglio l’indipendenza della magistratura”.

Vien da chiedersi se abbia letto il testo della lettera, dove il Commissario specifica meglio cosa deve fare San Marino in vista del rapporto del Gruppo europeo di Stati contro la corruzione (Greco): “Chiedo alle Autorità di San Marino di astenersi dall’adottare ulteriori misure che possano alimentare tali accuse in attesa dell’adozione e della pubblicazione di tale rapporto e prima che eventuali raccomandazioni in esso contenute siano adeguatamente attuate”.

E’ un po’ come in un processo per percosse, dove l’avvocato sostiene che il suo assistito non abbia sferrato uno schiaffone, ma voleva solo fare una carezza, forse un po’ troppo energica visto che alla parte lesa è uscito il sangue dal naso, ma sempre carezza era. Tesi difensiva legittima, ma non troppo credibile. (...)

Articolo tratto da L'informazione

Leggi l'articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

 

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782