sabato 26 settembre 2020 07:31
RASSEGNA STAMPA

L'Informazione di San Marino. Per Vitaliano Esposito "eccesso di potere" sulla giustizia

L'Informazione di San Marino. Per Vitaliano Esposito

L’Informazione di San Marino: Piovono sentenze che bocciano la spoliazione dei fascicoli

La spoliazione dei fascicoli operata da parte di Valeria Pierfelici su mandato del Consiglio giudiziario plenario per la redistribuzione del lavoro nel Tribunale, attuata nottetempo e sulla base di una votazione il cui numero legale è ancora tutto da certificare, sta generando un disastro all’interno del Tribunale e uno stallo senza precedenti nella trattazione dei fascicoli e dei procedimenti. Il provvedimento di redistribuzione del lavoro stilato dall’ex reintegrato, e poi di nuovo ex, magistrato dirigente, ha spogliato i titolari dei fascicoli, giudici naturali precostituiti per legge, dei casi sui quali stavano indagando o decidendo o, in certi casi, attendevano la decisione su istanze di astensione o ricusazione. Questo ha generato una violazione dei principi fondamentali e, in certi casi, vengono segnalate dal giudice persino altre gravi violazioni. Lo mette nero su bianco in diverse sentenze che stanno arrivando come se piovesse, il giudice per i rimedi straordinari Vitaliano Esposito. (…)

Il provvedimento amministrativo notturno del 24 luglio - cioè la redistribuzione del lavoro con la spoliazione dei fascicoli - emesso dalla Pierfelici in qualità di reintegrato magistrato dirigente, “risulta, quindi, espressione, in pratica, di un potere ultra vires, inquadrabile nel vizio di sviamento di potere, quale figura sintomatica dell’eccesso di potere, caratterizzata dal perseguimento dell’atto di una finalità diversa da quella che gli assegna l’ordinamento. A questa obiettiva valutazione, riscontrata in via incidentale, della sussistenza del vizio di sviamento di potere nella specifica disposizione del magistrato dirigente va ora aggiunta la constatazione della violazione del fondamentale principio del giudice naturale precostituito”, scrive Esposito. (…)

Il giudice per i rimedi straordinari riscontra nella redistribuzione del lavoro operata nottetempo il 24 luglio dalla Pierfelici, che questa ha inciso anche su fascicoli nei quali era essa stessa prevenuta, riscontrando i tratti dello sviamento di potere, dell’eccesso di potere e della violazione del principio fondamentale del giudice naturale precostituito per legge. Per questo il giudice Esposito sospende il procedimento e trasmette gli atti al Plenario perché provveda alla determinazioni atte a rimediare al pastrocchio del 24 luglio. Pastrocchio al quale, però, pare non ci sia l’intenzione di rimediare, dato che all’odg del Cgp convocato per lunedì e martedì, si dice esplicitamente che dall’esame delle deliberazioni assunte sono escluse quelle del 24 luglio. Si accumulano così violazioni su violazioni, piovono ricorsi e pronunce che dichiarano abusi in contrasto con i diritti fondamentali e la convenzione dei diritti dell’uomo, ma emerge anche la volontà di non porvi rimedio con il risultato ormai evidente che vede l’interesse particolare prevalere a discapito di quello dello stato di diritto.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Leggi l'articolo integrale pubblicato dopo le 19

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782