giovedì 5 novembre 2020 16:29
LA POLEMICA

San Marino. La replica di Pedini Amati a Ricci: "Non può legiferare nel nostro Stato"

San Marino. La replica di Pedini Amati a Ricci:

Le parole del sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, che chiede a San Marino di smettere di fare "buffonate", scatenano la reazione del Segretario di Stato Federico Pedini Amati.

"Caro Sindaco Matteo Ricci,
come sai ho grande rispetto per te e per le amministrazioni locali, tanto da aver creato un progetto turistico che le coinvolge e che le mette sullo stesso piano della nostra Repubblica.
Il rispetto, la stima e la ricerca di una costante collaborazione però, non possono in nessun modo giustificare l’ossessione, tua e di altri Sindaci del circondario, di voler legiferare in uno Stato che, per quanto limitrofo, è indipendente da oltre 1700 anni.
Nel tuo post in cui commenti un articolo del Il Resto del Carlino sull’arrivo nella tua città di Vittorio Sgarbi scrivi che a Pesaro le leggi si rispettano sempre e che non si scherza sulla salute delle persone. Nemmeno a San Marino scherziamo, anzi, siamo particolarmente attenti all’evoluzione dei contagi e dell’emergenza sanitaria e soprattutto anche a San Marino rispettiamo le leggi. Le NOSTRE leggi però. I nostri decreti che scriviamo ponderando ogni scelta e prestando attenzione a ciò che accade sul nostro territorio e per il rispetto dei quali abbiamo chiesto aiuto alle nostre Forze dell’Ordine che stanno facendo un lavoro egregio.
Insieme ai colleghi del Congresso di Stato e ai tecnici dell’Ospedale facciamo scelte mirate, oculate, sulle quali ragioniamo per giorni e che tengono in considerazione sempre quale primo fattore la salute delle persone ma non trascurano la grande emergenza economica che insieme a quella sanitaria ci sta colpendo e per affrontare la quale non possiamo che contare sulle nostre forze, non avendo noi i contributi internazionali che invece spettano all’Italia.
Quindi, caro Sindaco, non facciamo “buffonate” perché non siamo buffoni. E francamente, visto che anche lei, come noi tutti, dice di nutrire rispetto per la gloriosa Repubblica di San Marino, ci piacerebbe che abbassasse i toni e verificasse bene se è il caso di rivolgersi in quel modo agli amministratori di un altro Stato che, le piaccia o no, rispetta direttive diverse da quelle dell’Italia.
E’ davvero spiacevole notare come, da una settimana, il rapporto, sempre fraterno, fra San Marino e Italia sia stato inasprito da una polemica che non ha motivo di esistere e quell’importantissimo rapporto diplomatico fatto di mail, contatti telefonici e incontri si sia spostato sui media (a chi giova, poi?).
Concludo, caro Sindaco, che per quanto sarà davvero piacevole, se davvero passasse a trovarci, ascoltare le parole del Prof. Vittorio Sgarbi, non lo scomoderei per il ruolo di ambasciatore, per ciò se deve dirmi qualcosa, la prossima volta chiami me direttamente"

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Fonte: Varie