giovedì 19 novembre 2020 11:53
LAVORO

San Marino. Residenze per lavoratori frontalieri: ecco cosa cambia

San Marino. Residenze per lavoratori frontalieri: ecco cosa cambia

La Segreteria di Stato per gli Affari Interni rende noto che "è stato emanato il Decreto Delegato 18 novembre 2020 n. 203 che modifica le modalità di concessione della residenza ordinaria per lavoratori frontalieri"

"In particolare - riferisce una nota della Segreteria di Stato - è stato eliminato il sistema del sorteggio, previsto finora, a beneficio di una regolamentazione più equa per i lavoratori frontalieri, fondata nell’esame delle pratiche sulla base dell’anzianità lavorativa in Repubblica e, a parità di requisito di anzianità, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Rimangono invariati i requisiti previsti per la richiesta di residenza: il lavoratore frontaliero deve essere titolare di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e deve aver svolto, negli ultimi quindici anni, attività lavorativa in maniera continuativa (ammesse interruzioni complessivamente non superiori a giorni quindici lavorativi) presso uno o più operatori economici sammarinesi. La nuova modalità di concessione alleggerisce i passaggi burocratici e favorisce un esame più celere e razionale delle pratiche. L’iter per richiedere la residenza rimane inalterato ed è riportato all’interno del Decreto Delegato n.203/2020. Per informazioni è possibile contattare l’Ufficio di Stato Civile al numero 0549.882080 info.statocivile@pa.sm".

Scarica il Decreto Delegato.

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Fonte: SdS Interni