venerdì 20 novembre 2020 11:12
CORONAVIRUS

L'associazione San Marino - Italia chiede "più buon senso e spirito di fratellanza"

L'associazione San Marino - Italia chiede

"Sono ancora perplessa e sconcertata da alcune reazioni e dichiarazioni pubblicate dai media italiani riguardo le disposizioni deliberate dalle autorità sammarinesi in materia di emergenza sanitaria".

Lo scrive Elisabetta Righi Iwanejko Presidente Associazione San Marino-Italia, aggiungendo: "Addirittura i sindaci di centro-sinistra del circondario hanno accusato la nostra Repubblica di approfittare della situazione perchè le attività commerciali restano aperte fino a tarda sera. Premesso che in uno scenario inedito ed imprevisto lo spirito di fratellanza che lega i due popoli da secoli avrebbe dovuto indurre ad una diversa riflessione, occorre precisare che a livello di contagi San Marino ha un andamento completamente discontinuo dalla preoccupante realtà italiana. Qualora affermazioni esasperate e offensive fossero state espresse dalla gente comune, benchè sempre inaccettabili, erano comunque la triste conseguenza del semi lockdown imposto in molte regioni italiani che ha già pesanti ricadute economiche-sociali. Tuttavia ci si aspetterebbe più buon senso e ragionevolezza da amministratori locali e da tutti coloro che hanno responsabilità politico-istituzionali perchè abbiamo tutti avuto lutti e disagi, e combattiamo tutti lo stesso nemico invisibile. Basta accuse e polemiche, e remiamo insieme verso l'uscita dal tunnel della crisi".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Fonte: Varie