lunedì 30 novembre 2020 15:39
BANCHE

San Marino. Registrazioni delle audizioni sul web, contrariata la Commissione d'inchiesta

San Marino. Registrazioni delle audizioni sul web, contrariata la Commissione d'inchiesta

Esce allo scoperto la Commissione consiliare d'inchiesta su Banca Cis in seguito alla pubblicazione in rete delle registrazioni di alcune sue audizioni.

"Le registrazioni delle audizioni pubblicate, insieme ad altre, sono state trasmesse all’Autorità giudiziaria, su sua stessa richiesta, nell’ambito del 'Conto Mazzini', e sono divenute elemento integrante del dibattimento di quel processo - spiega in un comunicato la Commissione consiliare d'inchiesta su Banca Cis -. Nel corso dei mesi di intenso lavoro portato avanti dalla Commissione, sono state effettuate oltre 70 audizioni di altrettanti individui, con date e nominativi pubblicati negli allegati della relazione".

E ancora: "Le dichiarazioni dei soggetti auditi sono state vagliate sotto il profilo della loro attendibilità dalla Commissione, che si è unicamente espressa nella Relazione pubblicata, sulla base di numerosi elementi, fra cui, in particolare, il rinvenimento di riscontri testimoniali, documentali e/o logici, nonché, a monte, un vaglio dell’attendibilità dell’audito anche sotto il profilo della sua posizione e coinvolgimento all’interno delle vicende di cui parla. Laddove i riscontri sopra menzionati non fossero stati ritrovati, la Commissione ha ritenuto di non dare conto all’interno della relazione anche a dichiarazioni assai rilevanti sotto il profilo penale e/o politico, col duplice fine della tutela del teste e della credibilità della scrivente".

La Commissione consiliare d'inchiesta su Banca Cis, inoltre, "stigmatizza la prassi di dare in pasto alla pubblica opinione registrazioni di testimonianze che, propalate senza filtri e ascoltate da persone necessariamente prive dell’intero quadro di informazioni documentali e testimoniali in possesso dei membri della Commissione nell’espletamento delle loro funzioni, facilmente si prestano a interpretazioni scorrette e fraintendimenti". La Commissione, in conclusione, "invita la cittadinanza alla lettura della relazione, come integralmente pubblicata sul sito del Consiglio Grande e Generale, così da poter distinguere eventuali letture mediatiche più o meno interessate e fondate su pochi elementi decontestualizzati, alcuni dei quali non hanno trovato riscontro nella realtà dei fatti accaduti".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782