giovedì 3 dicembre 2020 16:09
FINANZA

San Marino. Bilancio 2021, Rete: "È una sfida per l'intero Paese"

San Marino. Bilancio 2021, Rete:

“È una sfida per l'intero Paese”.

Così Rete definisce il Bilancio previsionale dello Stato 2021, spiegando in una nota che “l'eredità che abbiamo ricevuto" dai governi precedenti "è pesantissima, con l'aggravante di una pandemia mondiale che ha complicato i già seri problemi di criticità strutturale”.

Infatti, rimarca il movimento di governo, “dobbiamo fare i conti con 9 miliardi di liquidità bancaria persa in 12 anni, di cui 1 miliardo negli ultimi tre anni; con un debito pubblico iscritto a bilancio per 360 milioni a cui si devono aggiungere 450 milioni di perdita di Cassa di Risparmio; 300 milioni di credito d'imposta a favore delle banche; 200 milioni almeno per il crac di Banca Cis; 30 milioni del disavanzo strutturale del Bilancio dello Stato; 86 milioni di sbilancio dell'Iss per garantire la sanità pubblica; 28 milioni per pareggiare i Fondi Pensione”. In poche parole, “si tratta di far fronte a un buco di almeno 1.454 milioni!”.

A detta di Rete, “è il caso di rilevare che degli 86 milioni di spesa per il welfare ne erano iscritti a bilancio solo 71 e che negli ultimi tre anni la spesa è aumentata di 20 milioni, di cui 4,5 milioni sono la conseguenza della legge sulla dirigenza medica”. Inoltre, “il salvataggio di Cassa di Risparmio ha avuto un costo enorme che è diventato debito pubblico, ma la nuova gestione ha già portato correttivi importanti sui costi di gestione e ha elaborato un Piano Industriale con l'obiettivo di portare il bilancio a pareggio già dal prossimo esercizio”. Il titolo irredimibile previsto nella legge di Bilancio “potrà essere utilizzato per migliorare il conto economico”. In sostanza, ”invece di gravare per oltre 40 milioni annui sulla cassa statale, peserà solo per l'importo degli interessi quantificati in circa 9 milioni”. Capitolo bilancio Aass: "Dai 16 milioni di avanzo a consuntivo 2018 è passato a 1,6 milioni nel 2020 e a 800mila euro nella previsione del 2021”.

“Di fronte a una situazione tanto critica e pericolosa”, sostiene il movimento di maggioranza, “è importante che il ‘prestito ponte’, impostato dal governo, sia concordato a un tasso di interesse contenuto e che non sia utilizzato per la spesa corrente, in quanto va restituito tra un anno”.

Viene altresì considerato “fondamentale che si applichi un rigore selettivo nella spesa da parte delle segreterie di Stato, affiancato da un piano organico di riforme e di interventi strutturali che favoriscano la ripresa dell'economia e mettano in sicurezza il Paese”.

Rete, infine, assicura che il suo impegno, “anche se il contesto locale e internazionale è davvero difficile e complesso”, sarà “realistico e deciso” perché “la proposta della legge di bilancio 2021 presenta ampie aree di miglioramento per quanto riguarda l'equilibrio finanziario, la politica economica, le poste di spesa, nonché le materie completamente estranee ai conti pubblici”. L’esclusivo intendimento di Rete “è quello di avviare il risanamento della finanza pubblica, organizzare la cooperazione con Stati amici a partire dall'Italia, realizzare una crescita ecosostenibile, creare nuovi posti di lavoro e rafforzare lo stato sociale”.

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Fonte: RETE