domenica 17 gennaio 2021 10:19
LA LETTERA

San Marino. "Ne usciremo avendo un futuro?"

San Marino.

Riceviamo e pubblichiamo una nuova lettera di Giovanni Giardi dal titolo "Ne usciremo avendo un futuro?":

"Cominciano a emergere preoccupazioni serie per l’andamento dell’economia sammarinese. Sono contenute nelle posizioni espresse da Osla, Usot, Anis, sindacati e qualche politico capace di staccarsi dai discorsi da bar. I dati sull’occupazione e la Cassa Integrazione sono i primi a emergere come spettri da un mare nero di distrazione giustificata dall’emergenza Covid.

Potrebbero sembrare dati poco più che congiunturali, ma se visti nel contesto e in prospettiva potrebbero segnalare l’arrivo di una tragedia. L’Europa sta varando piani epocali paragonabili al piano storico Marshall del dopoguerra. Se pensiamo che l’Italia avrà a disposizione mezzi europei per l’innovazione, la ricerca, il green, per la formazione, per il sostegno alle aziende, occupazione giovanile e femminile, sanità e altro, cosa potremo offrire noi alle aziende migliori per tenerle a San Marino? Si accontentano di quella sammarinesità che chi ci governava sbandierava per non entrare in Europa (mentre era solo per fare i propri comodi senza le norme di controllo europee)? Non se ne andranno dove poter fruire di questi sostegni e contributi? In ogni caso il nostro sistema economico e occupazionale non si impoverirà a livello di povere attività marginali senza futuro?

Non credo che chi ci governa sia impegnato a fare progetti lungimiranti come peraltro chi ci ha governato in passato, ma in ogni caso non ci sono proprio i mezzi e le risorse visto che per avere qualche prestito abbiamo dovuto ricorrere a strani finanziatori….

Si può sperare le persone di buona volontà, che non dovrebbero mancare nei partiti e nelle istituzioni, alzino gli occhi dall’immediato e, chiamando anche le istanze intermedie della società civile e i cittadini a una democrazia partecipata e a una assunzione di responsabilità, guardino con un po’ di lungimiranza al futuro di questo povero Paese e ai destini delle nuove generazioni?".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Fonte: Varie