martedì 9 marzo 2021 16:41
BILANCI

San Marino. Tanti partiti e movimenti chiudono in perdita il 2019

San Marino. Tanti partiti e movimenti chiudono in perdita il 2019

Redatta dal Collegio dei sindaci revisori la relazione conclusiva con riferimento ai bilanci di partiti e movimenti politici relativi all’anno finanziario 2019.

Ne dà notizia la Segreteria istituzionale, spiegando che dalla relazione conclusiva sui bilanci del 2019 di partiti e movimenti politici sammarinesi emerge che, "sulla scorta della documentazione acquisita e delle informazioni ottenute nel corso delle verifiche effettuate, il Collegio dei sindaci revisori ritiene di poter ragionevolmente affermare che i bilanci dei partiti e dei movimenti, con una sola eccezione, siano stati redatti con chiarezza e rappresentino in modo veritiero la situazione economico patrimoniale dei singoli partiti/movimenti".

Tuttavia, il Collegio dei revisori afferma di aver constatato che "non tutti i partiti e movimenti hanno rispettato la data per la consegna dei documenti relativi al bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2019, specificando che per l'esercizio 2019 era intercorsa una proroga dovuta  all'emergenza sanitaria Covid-19 come da delibera n. 4 della seduta 24 marzo 2020 del Congresso di Stato, fissandola di fatto al 30 giugno 2020".

È stato rilevato "il ritardo nel deposito per alcuni partiti/movimenti", oltre a essere stato segnalato, in particolare, "il deposito di una situazione contabile senza la relazione accompagnatoria prevista dalla legge del consigliere indipendente Tony Margiotta".

A seguito delle elezioni politiche dell’8 dicembre 2019, "sono venute alla luce le seguenti nuove forze politiche Noi per la Repubblica, Libera e Domani-Motus Liberi, dall'esame della documentazione si prende atto che sono state tutte iscritte al pubblico registro in data 8 gennaio 2020; per tale motivazione il primo bilancio che dovrà essere redatto e depositato alla Segreteria istituzionale sarà quello dell'anno 2020".

Ecco i bilanci consuntivi dei partiti e movimenti politici sammarinesi al 31 dicembre 2019:

Movimento democratico - costi 57.486 euro, ricavi 46.641 (-10.845 euro)

Partito democratico cristiano sammarinese - costi 319.926 euro, ricavi 313.351 euro (-6.575 euro)

Partito dei socialisti e dei democratici - costi 92.474, ricavi 67.853 (-24.621 euro)

Partito socialista - costi 65.189 euro, ricavi 60.871 euro (-4.318 euro)

Rete - costi 203.114 euro, ricavi 166.103 euro (-37.011 euro)

Civico 10 - costi 245.867 euro, ricavi 185.640 euro (-60.227 euro)

Repubblica futura - costi 298.023 euro, ricavi 199.802 euro (-98.221 euro)

Sinistra socialista democratica - costi 219.074 euro, ricavi 243.545 (+24.471 euro)

Giovanna Cecchetti - costi 16.884 euro, ricavi 13.325 (-3.559 euro)

Dalibor Riccardi - costi 13.325 euro, ricavi 14.526 euro (-1.201 euro)

Tony Margiotta - costi 14.402, ricavi 13.325 euro (-717 euro)

 

Inoltre, il Collegio dei revisori afferma di aver “preso atto che i partiti e/o movimenti politici si avvalgono di software gestionali per la tenuta delle scritture contabili; ciò, oltre a consentire controlli e verifiche più efficaci, rende l'intero impianto contabile attendibile e meno esposto a errori materiali”.

I sindaci revisori, in seguito alle visite, “hanno provveduto a redigere un verbale per ogni singolo accesso effettuato; nel verbale trascritto sul Libro verbali del Collegio dei revisori, oltre a riportare gli esiti dei controlli contabili, sia formali che di merito, essi hanno provveduto ad esprimere e fornire osservazioni riguardanti gli aspetti che ritenevano migliorabili”. Il Collegio invita ogni partito e/o movimento politico a “prendere visione della relazione finale e del verbale relativo all'accesso specifico che lo riguarda, al fine di fornire ai propri responsabili amministrativi le indicazioni necessarie e utili per implementare le procedure interne e pertanto addivenire a una corretta e veritiera rappresentazione della situazione economica patrimoniale”.

Al riguardo, il Collegio dei sindaci revisori rende noto che, “in occasione delle verifiche, è stata riscontrata la disponibilità e la collaborazione dei partiti e movimenti nell'espletamento dell'incarico; alcuni costi/spese/rimborsi spese non sempre sono supportati da adeguata documentazione giustificativa e/o direttamente inerente all'attività politica; solo alcuni partiti/movimenti liquidano e versano l'imposta speciale di bollo sui servizi pubblicitari; alcuni partiti/movimenti hanno depositato in ritardo rispetto la scadenza prevista il bilancio d'esercizio; con riferimento ai ‘consiglieri indipendenti’, in un singolo caso si rileva che il documento presentato non risulta redatto nel pieno rispetto di quanto previsto dall'articolo 10 legge 170/2005 s. m. e i.”.

Infine, il Collegio dei sindaci revisori raccomanda a tutti i partiti e movimenti politici della Repubblica di San Marino "costante attenzione nell'archiviazione dei documenti contabili e nell'aggiornamento dei libri contabili obbligatori; l'assistenza di professionisti per la predisposizione del bilancio e degli adempimenti fiscali (presentazione fatture import all'Ufficio Tributario; dichiarazione del sostituto di imposta, liquidazione dell'imposta speciale di bollo sui servizi pubblicitari ecc); relativamente agli obblighi dei consiglieri indipendenti, preso atto dell'art. 2 legge n. 50/2017 e dell'art. 10 legge n.170/2005, la necessità di un intervento normativo affinché gli stessi siano obbligati alla vidimazione e aggiornamento dei libri contabili".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782