mercoledì 7 luglio 2021 07:47
RASSEGNA STAMPA

Tredici anni fa San Marino diventava Patrimonio dell'Umanità Unesco

Tredici anni fa San Marino diventava Patrimonio dell'Umanità Unesco

7 luglio 2008, San Marino diventa Patrimonio Unesco dell’Umanità

DAVIDE PEZZI - La Porta di San Francesco, nota in tempi antichi come “Porta del Loco”, è simbolicamente l’ingresso principale della Città di San Marino. È da qui che passano i visitatori del Centro Storico, è il suo arco che accoglie i turisti come un simbolico ingresso in un’altra epoca. Sotto la volta due iscrizioni in lingua latina, risalenti al ‘700, documentano le norme degli Statuti che, nel periodo comunale, regolavano l’entrata e l’uscita dei forestieri e degli abitanti. Più in basso, da una decina d’anni, c’è un’altra targa in metallo che testimonia un riconoscimento molto importante per la Repubblica di San Marino: l’ingresso nel Patrimonio Unesco. Il 7 luglio 2008 il Comitato del Patrimonio Mondiale dell’Unesco riunito a Québec, in Canada, deliberò l’iscrizione del centro storico di San Marino e del Monte Titano nella Lista del Patrimonio dell’Umanità. Un riconoscimento per alcuni inaspettato, se si paragona la piccola Repubblica del Titano alle piramidi d’Egitto, al Taj Mahal o al Partenone di Atene. A fare pendere l’ago della bilancia è stata la tradizione storico-istituzionale che ancora vive nella nostra società. Un patrimonio intangibile fatto di usi, costumi e tradizioni. (…)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782