giovedì 22 luglio 2021 07:40
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Pensioni, i sindacati bocciano la "quota 103"

San Marino. Pensioni, i sindacati bocciano la

Quota 103, sindacati bocciano unanimi la bozza di riforma delle pensioni

Dissenso da parte dei sindacati sulla “quota 103” con il blocco sull’età a 63 anni e almeno 40 anni di contribuzione. “Dopo una prima analisi del testo - precisa il segretario generale Cdls, Gianluca Montanari - abbiamo subito maturato la consapevolezza che l’articolato proposto non affronta in modo completo e coordinato la complessa tematica relativa alla riforma del sistema previdenziale ma si limita a un provvedimento esclusivamente contabile con tagli alle prestazioni, penalizzazioni sul tasso di sostituzione, aumento dei contributi di solidarietà a chi è in pensione e dell’età pensionabile per chi deve ancora andarci”. (…)

Non piacciono a Cdls l’introduzione di “finestre mobili” per l’accesso alla pensione, che di fatto posticipano di sei mesi l’accesso alla pensione, l’estensione del periodo di riferimento del calcolo della pensione a tutta la vita lavorativa e non agli ultimi 20 anni, la famigerata “quota 103” - 63 anni di età e 40 anni di contributi - l’adeguamento automatico in base agli indici di speranza di vita sammarinesi dei requisiti anagrafici per la pensione. (…)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782