martedì 28 settembre 2021 08:17
TV

Ora è ufficiale: la Tv di San Marino sarà visibile in tutta Italia sul digitale

Ora è ufficiale: la Tv di San Marino sarà visibile in tutta Italia sul digitale

È stata firmata ieri a Roma l'intesa bilaterala tra Italia e San Marino in materia radiotelevisiva che permetterà alla San Marino Rtv di essere trasmessa sul territorio nazionale italiano attraverso il digitale terrestre.

Per il governo del Titano erano presenti il Segretario di Stato per gli Affari Esteri Luca Beccari e il Segretario di Stato per il Lavoro con delega all’Informazione Teodoro Lonfernini, per l'Italia il ministro degli Esteri Luigi di Maio. 

"Si tratta di un ulteriore passo nell’effettivo rilancio della collaborazione bilaterale - scrive la Segreteria agli Esteri in una nota - e che avviene in un settore strategico, all’indomani della redistribuzione delle frequenze. Attraverso la firma dell’intesa bilaterale si apriranno altresì nuove prospettive in capo a San Marino RTV".

“Sono soddisfatto per l’accelerazione impressa sulla finalizzazione del testo dell’intesa – ha dichiarato il Segretario di Stato Beccari - a significare la volontà delle Parti di regolamentare ed aggiornare normativamente un servizio prioritario per il nostro sistema nazionale. Con il Ministro di Maio si è altresì convenuto di proseguire nella trattazione delle questioni bilaterali in agenda.”

“Con la firma dell’intesa bilaterale – ha proseguito il Segretario di Stato Teodoro Lonfernini - si apre una più ampia collaborazione in materia radiotelevisiva tra i due Stati e la possibilità per entrambi di trarre vantaggi e opportunità. La nostra emittente radiotelevisiva amplierà il proprio bacino d’utenza con ricadute sensibili di visibilità e affermazione sull’intero territorio italiano.”

I dettagli dell'accordo al momento non sono stati divulgati.

Rtv, sul proprio sito, afferma che l'accordo "avrà una durata di cinque anni" e che contiene "un adeguamento del contributo" che l'Italia dà a San Marino annualmente, che fino ad ora era di 3 milioni di euro all'anno in cambio della rinuncia da parte del Titano all'utilizzazione di alcuni canali che gli sarebbero spettati dalle convenzioni internazionali in materia. 

Secondo il sito blogtvitaliana.it, l'aumento per RTV San Marino sarà di circa un milione di euro all'anno, e "in cambio" il canale sammarinese sarà inserito nel pacchetto dei canali Rai diffusi sul territorio nazionale.

Oggi al centro dell'accordo c'è l'eredità della frequenza 51, fino ad oggi detenuta da San Marino e usata per trasmette i programmi di Rtv in Emilia-Romagna e nelle Marche ma che dovrà essere abbandonata entro fine 2021 per consentire la diffusione della tecnologia 5G. 

La partita ormai è in corso da 4 anni, da quando cioè l'Italia mise all'asta le nuove frequenze per internet ultraveloce, anche la 51, incassando complessivamente 6,5 miliardi di euro. 

Parallelamente allo spostamento delle frequenze, l’ITU (International Telecommunication Union) di Ginevra, ha assegnato ai paesi nuove frequenze dividendole per macro aree. Ad Italia e San Marino ne sono state assegnate complessivamente 14, lasciando ai due Stati definire autonomamente un accordo.

Ed è qui che nasce la trattativa e la disputa che procede da anni, conclusasi ufficialmente ieri. Trattativa che sul Titano ha scatenato negli ultimi mesi polemiche e interrogazioni parlamentari.

 

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782