sabato 5 gennaio 2019 08:20
RASSEGNA STAMPA

Rimini. «Quell’uomo sembrava una bestia,ho rischiato una brutta fine».

Rimini. «Quell’uomo sembrava una bestia,ho rischiato una brutta fine».

"Sono riuscita a rientrare nella vettura e a chiudermi dentro. Lui è salito sul cofano e ha iniziato a tirar pugni nel parabrezza"

«Quell’uomo sembrava una bestia Ho rischiato una brutta fine» / Parla la ragazza aggredita in auto: «Ha tentato di violentarmi»

«Quell'uomo mi voleva violentare, quella notte dopo avermi bloccata in strada mi ha tirato fuori dalla mia macchina per le gambe, che sono piene di lividi. Sono rimasta di stucco dopo aver letto che il giudice nell’udienza di convalida ha fatto cadere l’accusa di violenza sessuale». Si presenta in redazione accompagnata dalla madre la 18enne residente a Viserba che è stata brutalmente aggredita, nella notte tra il 28 e il 29 dicembre, in via Marconi da un 35enne di San Mauro, poi arrestato dai carabinieri. Com’è andata? «Era come una bestia – continua la ragazza, che chiameremo ‘Silvia’ – completamente fuori controllo, fuori di sè. Ho rischiato di fare una brutta fine, io e la mia famiglia ci rivolgeremo al Centro antiviolenza per la tutela legale e un supporto psicologico». (...)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino (Mario Gradara)