giovedì 10 gennaio 2019 08:17
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Blitz con le mazze, denunciati cinque ultrà

Rimini. Blitz con le mazze, denunciati cinque ultrà

Blitz con le mazze, denunciati cinque ultrà / I tifosi della Vis Pesaro erano arrivati a Rimini armati fino ai denti

Erano arrivati a Rimini armati fino ai denti, gli ultras della Vis Pesaro, pronti ad accendere la rissa con i rivali locali. Le indagini sono ancora in corso per identificare tutti, ma per ora nei guai sono finiti i cinque titolari del contratto di noleggio di quei cinque minivan che contenevano le armi che una quarantina di ultrà marchigiani si erano portati dietro per ‘animare’ il dopo-partita. Il derby si è consumato il 22 dicembre scorso. Una rivalità, quella tra Rimini e la Vis Pesaro che non si è mai sopita, a prescindere dalla categoria in cui militano le due squadre. E i pesaresi erano sbarcati in riviera pronti a scatenare una vera e propria battaglia. Una quarantina di ultrà scartenati che, dopo avere noleggiato cinque minivan e averli riempiti di armi, erano partiti alla volta di Rimini. Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori della Digos riminese, il nutrito gruppo di supporter era arrivato molto prima della partita, quasi certamente nel tentativo di passare inosservati. Ma non erano stati molto furbi, perchè avevano parcheggiato i minivan nel settore ospiti, in via Sartoni, lasciando dentro tutto il ‘materiale’ che si erano portati dietro. Evidentemente l’idea era quella di armarsi dopo la partita e tendere un agguato ai rivali di sempre. (...)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino