mercoledì 3 aprile 2019 08:54
RASSEGNA STAMPA

«Meglio morire che vivere così»

«Meglio morire che vivere così»

«Meglio morire che vivere così»

Una donna si cosparge di alcol e si dà fuoco al primo piano del tribunale

SI DA’ FUOCO in tribunale per protestare contro una fantomatica mafia che fa prostituire le sue figlie. La donna, 58 anni, di nazionalità albanese, è ricoverata in ospedale con ustioni di primo grado, ma se un avvocato non fosse intervenuto subito a spegnere le fiamme che l’avvolgevano, sarebbe finita molto peggio.

SONO le dieci, quando l’albanese passa il metal detector del Palazzo di giustizia di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Gli agenti della sicurezza non notano in lei niente di particolare, e la donna sale dritta al primo piano dove si svolgono le separazioni. (...)

Tratto da Il Resto del Carlino