mercoledì 17 aprile 2019 15:27
MARE E AMBIENTE

Protocollo tra Circolo Nautico e Fondazione Cetacea

Protocollo tra Circolo Nautico e Fondazione Cetacea

"Mercoledì 17 Aprile alle ore 11 presso il Club Nautico Rimini si è tenuta la conferenza stampa in cui è stato sottoscritto il protocollo di "Gentlemen Agreement" tra il Club Nautico Rimini e la Fondazione Cetacea". 

 
Lo riferisce un comunicato stampa. "Le due associazioni hanno sottoscritto un'intesa comune, il cui obiettivo principale sarà quello di partecipare all'assegnazione dell'area demaniale del Delfinario di Rimini. Un momento storico e imperdibile, in cui si è ulteriormente consolidato il loro rapporto istituzionale dopo anni di reciproche soddisfazioni. 'Il nostro obiettivo è partecipare al bando comunale per ottenere la gestione dell'area Delfinario. Questo significa poter sviluppare progetti di natura etica e di grande valenza per la comunità Riminese come la salvaguardia dell'ambiente e degli animali marini, l'educazione al corretto comportamento in mare e il rispetto delle sue risorse' a prendere parola è Gianfranco Santolini, Presidente del Club che continua 'Inoltre, il progetto che abbiamo in mente, promuoverà la cultura marinaresca e avvierà giovani e "non' agli sport nautici".

 
"Finalmente siamo arrivati ad un momento storico per la Fondazione Cetacea. Sulla nostra strada, tre anni fa, abbiamo incontrato il CNR. Questo incontro è stato da subito molto importante per cementare il rapporto con la città di Rimini." A parlare è Sauro Pari, Presidente della Fondazione Cetacea. "Il nostro obiettivo è di portare in quest'area il Centro di Recupero Cura e Riabilitazione Tartarughe Marine di riferimento per Emilia Romagna e Marche (n.d.r. ora sito a Riccione) e il polo di tutte le attività istituzionali di Fondazione Cetacea, mentre il CNR vuole ricavare la base nautica per i giovani della scuola a vela, motonautica e pesca sportiva. La volontà è di unire ancor più le due associazioni per creare un polo di attrazione naturalistico che abbracci il mare a 360°. L'obiettivo è ambizioso, ma insieme riusciremo a fare grandi cose. Il nostro sogno è che Rimini riprenda la sua attività marinaresca. Ci stiamo già attivando, per cui il 1 maggio ci sarà il rilascio della prima tartaruga in mare proprio nella zona dell'ex delfinario."
Fonte: Varie