domenica 28 luglio 2019 08:29
RASSEGNA STAMPA

Il Summer Pride batte anche la pioggia

Il Summer Pride batte anche la pioggia
Immagine di repertorio

Il Summer Pride batte anche la pioggia

Tremila sfidano il temporale per marciare alla parata sul lungomare

MANUEL SPADAZZI. IL POPOLO arcobaleno sfida il temporale. Nonostante la pioggia, oltre 3mila persone hanno marciato ieri sul lungomare per il Rimini Summer Pride, la parata dell’orgoglio gay. E quando il corteo è arrivato in piazzale Fellini, dove c’erano gli stand gastronomici e il palco per gli interventi e la festa finale, i 3mila sono diventati molti di più, anche grazie alla (breve) pausa concessa dalla pioggia. «L’AVEVAMO detto: non ci saremmo fermati nemmeno di fronte al maltempo – dice Marco Tonti, presidente dell’Arcigay riminese – e così è stato. Sono venute migliaia di persone, nonostante una pioggia torrenziale. Alla faccia di quelli che dicono che la gente viene al Pride solo perché si fa festa. Non è affatto vero: questa è gente che ci crede fino in fondo, che è disposta a inzupparsi dalla testa ai piedi per manifestare e festeggiare l’approvazione della nuova legge regionale contro l’omofobia». Una legge approvata dopo un’autentica maratona sui banchi e che l’assessore regionale alle Pari opportunità Emma Petitti non esita a definire «un inno alla libertà. Ci rende ancora più orgogliosi il fatto che questa norma sia stata approvata in concomitanza col Rimini Summer Pride, donando in questo modo ai nostri sforzi anche un valore simbolico». (...)

Tratto da Il Resto del Carlino