domenica 22 marzo 2020 15:37
EMERGENZA CORONAVIRUS

Rimini. Quattro pazienti estubati all'Infermi: hanno ripreso a respirare senza le macchine

Rimini. Quattro pazienti estubati all'Infermi: hanno ripreso a respirare senza le macchine

"Tra i soggetti affetti da Covid 19 ricoverati in Rianimazione presso l'ospedale "Infermi" di Rimini (ad oggi 35 in tutto) si registrano i primi quattro casi di pazienti "estubati", pazienti cioè che erano in ventilazione meccanica e che hanno ripreso a respirare senza l'ausilio della macchina".

Ne dà notizia l'Ausl Romagna, aggiungendo che "per loro si sta valutando il trasferimento in reparto al di fuori della Terapia intensiva, ovviamente sempre in area isolata.

I pazienti affetti da coronavirus le cui condizioni si aggravano in maniera importante e che richiedono di essere collocati in ventilazione meccanica, solitamente restano in tale condizioni per periodi prolungati; i quattro pazienti dell'"Infermi" sono rimasti in respirazione assistita per un periodo compreso tra i 12 e i 15 giorni, dunque relativamente breve, in virtù anche della loro età non particolarmente avanzata. Si tratta di tre pazienti di sesso maschile e di una donna, tutti di età compresa tra i 60 e i 70 anni.

«Il miglioramento clinico di questi quattro pazienti rappresenta per noi un elemento molto importante, sia dal punto di vista clinico sia dal punto di vista psicologico – racconta il dottor Giuseppe Nardi, direttore della Anestesia Rianimazione riminese -. E' intanto un elemento importante sul fronte scientifico, e ci dice che vi sono possibilità di ripresa anche nei casi più gravi, in questa malattia ancora assai poco conosciuta. E poi è servito a darci coraggio. La nostra equipe lavora con grande entusiasmo ed abnegazione, nonostante la fatica di questi giorni, e ora lavorerà anche con più gioia. Questi quattro casi rappresentano una speranza importante anche per gli altri pazienti e soprattutto per i loro famigliari che finalmente hanno una notizia positiva dopo giorni di buio in cui non hanno potuto vedere i loro cari, e che finalmente hanno una notizia positiva».

Fonte: AUSL Romagna