giovedì 21 maggio 2020 08:15
RASSEGNA STAMPA

Rimini.«Code al monte di pietà per chiedere soldi»

Rimini.«Code al monte di pietà per chiedere soldi»

«Code al monte di pietà per chiedere soldi»


Gentile: «In fila anche molti liberi professionisti che hanno urgente bisogno di liquidità per riaprire le loro attività chiuse da tempo»


Baristi, ristoratori, commercianti e albergatori in coda al monte di pietà. Portano oro e chiedono soldi in prestito. Interesse 7 per cento su base annua. ‘Taglio medio’ sugli 800-900 euro – l’80 per cento del valore stimato dell’oggetto in questione - con alta percentuale di restituzione (almeno fino all’anno scorso). Ovvero, gioielli e orologi portati in pegno tornavano in genere al proprietario, e non finiscono all’asta. Fino all’arrivo di Covid-19. Sono i dati forniti (a richiesta) dalla filiale di ProntoPegno Rimini, del Gruppo Banca Sistema. «Nei mesi di marzo e aprile – spiega Giuseppe Gentile, direttore generale ProntoPegno spa – a Rimini abbiamo avuto in aumento del 20% di nuove polizze emesse, ovvero finanziamenti erogati, in linea col trend nazionale (...)

Articolo tratto da Resto del Carlino 

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782