domenica 28 giugno 2020 07:45
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Prostituzione, dopo il lockdown 60 multe in un mese

Rimini. Prostituzione, dopo il lockdown 60 multe in un mese

La calata delle lucciole: 60 multe in un mese

Guerra aperta ai viali a luci rosse che si sono riempiti di prostitute: le zone più “frequentate”, quelle di Miramare e Torre Pedrera

ALESSANDRA NANNI - L’aveva annunciato: “Siamo pronte per uscire, dobbiamo ricominciare a guadagnare per campare”. Le lucciole hanno mantenuto la promessa, perchè appena finita la quarantena i viali a luci rosse si sono ripopolati come per incanto. Dall’altra parte però anche la Polizia municipale ha alzato il "fronte", e dal primo gennaio sono state 109 le sanzioni inflitte, di queste 60 sono state fatte solo nell’ultimo mese. Le ragazze a luci rosse scalpitavano da mesi, non riuscendo, dicevano, a mettere insieme il pranzo con la cena a causa del deserto causato dal coprifuoco. Appena le porte si sono spalancate, sono uscite in massa e più agguerrite di prima, per via degli arretrati. La zona mare, raccontano, ne è piena zeppa, e gli albergatori hanno già levato gli scudi, protestando a gran voce contro “la piaga”. A quanto dicono, controlli e sanzioni a lucciole e clienti non riescono a fermare il fenomeno. Al punto che, raccontano i titolari degli hotel del lungomare, i loro clienti sono costretti a fare lo slalom tra le ragazze che battono sui viali delle Regine. Stanno lì a mazzi, in abiti succinti, pronte a tirare per la giacca il primo papabile cliente che adocchiano. Clienti che saputo della calata, non ci hanno messo molto a tornare alle vecchie abitudini. Con o senza mascherina, la prestazione è garantita. Ad albergatori e commercianti, non resta che raccogliere i ‘resti’ la mattina, profilattici inclusi. La protesta è già partita e se va avanti così assicurano che alzeranno ancora di più la voce. Le zone più critiche sono quelle dell’area nord di Torre Pedrera e di Miramare, verso il confine con Riccione. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782