giovedì 17 settembre 2020 07:28
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Studenti e bus, ressa alle fermate

Rimini. Studenti e bus, ressa alle fermate

Studenti e bus, ressa alle fermate


Ragazzi stipati all’uscita dalle superiori. Diversi sono rimasti a terra chiamando i genitori a casa


Mezzogiorno di fuoco sui bus. Ieri al centro studi di Viserba pochi mezzi e troppi studenti tra mascherine che si abbassano per il caldo insopportabile stipati sugli autobus. C’è chi non se l’è sentita di salire ed ha chiamato: «Mamma cosa devo fare? A scuola ci fanno le lezioni sul distanziamento, ma qui è una calca». Chiusa la telefonata i genitori sono partiti. Altro traffico per la strada e coda di auto in arrivo al centro studi. Se ne conteranno a fine mattinata tante. «Abbiamo acquistato l’abbonamento da 250 euro e non ci sono le condizioni nemmeno per poterlo usare. E’ mai possibile?» ci racconta Ioanna Wisniewska, una delle mamme accorse sul posto per prelevare la figlia che frequenta il Valgimigli. Se alcuni ragazzini hanno mollato, altri hanno tenuto duro, ma il viaggio è diventato un incubo dice William Bocca, papà di uno studente del Serpieri (...)

Articolo tratto da Resto del Carlino

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782